Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:41
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”

Immagine di copertina

Donna israeliana di 50 anni dona un rene a un bambino di Gaza

Una donna israeliana di 50 anni dona un rene a un bambino di Gaza e diventa un simbolo della possibile convivenza tra i due popoli del MedioOriente.

A raccontare la vicenda è stata la stessa Idit Harel, che, in un’intervista all’Associated Press, ha spiegato il perché di questa decisione: “Sono stata ispirata dai racconti e dagli insegnamenti di mio nonno, sopravvissuto all’Olocausto. Mi raccomandava di seguire la tradizione ebraica: non esiste dovere più alto che quello di salvare una vita”.

Proprio nei giorni in cui la donna ha deciso di donare il rene a un bambino affetto da una malattia congenita sin dalla nascita e in attesa di trapianto da tre anni, Israele e Hamas combattevano l’ennesima guerra.

Dichiaratamente di destra e convinta che sarebbe stato meglio se “nel 1948 tutti gli arabi avessero lasciato il nostro Stato nascente”, la 50enne si è improvvisamente ritrovata a essere un simbolo di quella convivenza tra i due popoli che lei stessa ritiene impossibile.

Una scelta che non tutti hanno appoggiato nella sua famiglia: il marito, infatti, ha cercato di farle cambiare idea, mentre il padre non le ha parlato per diverso tempo.

La donna continua a sostenere che la sua non è stata una decisione politica, mentre al bimbo, che continuerà a vivere grazie al suo gesto, l’israeliana ha scritto prima dell’operazione una lettera: “Non mi conosci, ma presto io e te saremo molto vicini perché un mio organo starà nel tuo corpo. Spero che questa operazione funzioni e tu possa avere una vita lunga e significativa”.

La donna ha anche incontrato i genitori del piccolo, mentre dall’ospedale ha chiamato il padre, che questa volta le ha risposto: “È scoppiato a piangere e a quel punto gli ho detto che il rene sarebbe andato a un bambino arabo. C’è stato un sospiro, silenzio, poi: anche lui ha diritto alla vita”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Esteri / Instagram danneggia la salute mentale delle adolescenti. Facebook lo sa, ma non fa niente
Esteri / “Il burqa non è nella nostra cultura”: la campagna social delle donne afghane contro i talebani
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Esteri / Israele, morto per Covid il leader dei no vax. Anche dall’ospedale incitava i suoi: “Continuate le proteste”
Esteri / “Dopo l’assalto a Capitol Hill i militari tolsero a Trump l’accesso alle armi nucleari”
Esteri / La Corte europea dei diritti dell’uomo: il green pass “non viola i diritti umani”
Esteri / Incendio in Spagna: migliaia di persone in fuga dalle fiamme vicino alla Costa del Sol