Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”

Immagine di copertina

Donna israeliana di 50 anni dona un rene a un bambino di Gaza

Una donna israeliana di 50 anni dona un rene a un bambino di Gaza e diventa un simbolo della possibile convivenza tra i due popoli del MedioOriente.

A raccontare la vicenda è stata la stessa Idit Harel, che, in un’intervista all’Associated Press, ha spiegato il perché di questa decisione: “Sono stata ispirata dai racconti e dagli insegnamenti di mio nonno, sopravvissuto all’Olocausto. Mi raccomandava di seguire la tradizione ebraica: non esiste dovere più alto che quello di salvare una vita”.

Proprio nei giorni in cui la donna ha deciso di donare il rene a un bambino affetto da una malattia congenita sin dalla nascita e in attesa di trapianto da tre anni, Israele e Hamas combattevano l’ennesima guerra.

Dichiaratamente di destra e convinta che sarebbe stato meglio se “nel 1948 tutti gli arabi avessero lasciato il nostro Stato nascente”, la 50enne si è improvvisamente ritrovata a essere un simbolo di quella convivenza tra i due popoli che lei stessa ritiene impossibile.

Una scelta che non tutti hanno appoggiato nella sua famiglia: il marito, infatti, ha cercato di farle cambiare idea, mentre il padre non le ha parlato per diverso tempo.

La donna continua a sostenere che la sua non è stata una decisione politica, mentre al bimbo, che continuerà a vivere grazie al suo gesto, l’israeliana ha scritto prima dell’operazione una lettera: “Non mi conosci, ma presto io e te saremo molto vicini perché un mio organo starà nel tuo corpo. Spero che questa operazione funzioni e tu possa avere una vita lunga e significativa”.

La donna ha anche incontrato i genitori del piccolo, mentre dall’ospedale ha chiamato il padre, che questa volta le ha risposto: “È scoppiato a piangere e a quel punto gli ho detto che il rene sarebbe andato a un bambino arabo. C’è stato un sospiro, silenzio, poi: anche lui ha diritto alla vita”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Francia, scoppia un incendio in casa: muoiono mamma e figlia di 2 anni, grave il papà
Esteri / Frank Vallelonga Jr. trovato morto nel Bronx: addio all’attore di Green Book
Esteri / Istanbul, rilasciata l’italiana Procopio
Ti potrebbe interessare
Esteri / Francia, scoppia un incendio in casa: muoiono mamma e figlia di 2 anni, grave il papà
Esteri / Frank Vallelonga Jr. trovato morto nel Bronx: addio all’attore di Green Book
Esteri / Istanbul, rilasciata l’italiana Procopio
Esteri / “Pacchi insanguinati” inviati alle ambasciate ucraine in Europa. Anche in Italia
Esteri / Usa, bimbo di 10 anni uccide la madre con una pistola: non gli aveva comprato un giocattolo
Esteri / Usa, partita di golf finisce in tragedia: giocatore strappa a morsi il naso del suo avversario dopo una lite
Esteri / Medico si addormenta al volante dopo un turno estenuante in ospedale e falcia 4 persone: condannato
Esteri / Attentato a Susanna Schlein (sorella di Elly) ad Atene: è la prima consigliera dell’ambasciata italiana
Esteri / Russia, Lavrov accusa: “Militari ucraini addestrati anche in Italia”. La smentita del ministero della Difesa
Esteri / Biden: “Pronto a parlare con Putin”. La risposta del Cremlino: “Prima gli Stati Uniti riconoscano come russe le regioni annesse”. E Macron lancia una conferenza per la pace a Parigi