Dopo il discorso di Ocasio-Cortez, il deputato che l’ha chiamata “fottuta puttana” si è dimesso dal board della sua associazione cristiana

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 26 Lug. 2020 alle 09:40 Aggiornato il 26 Lug. 2020 alle 12:56
2.4k
Immagine di copertina

Il deputato che ha offeso Ocasio Cortez si è dimesso dal board di un’associazione cristiana

Ted Yoho, il deputato repubblicano che lunedì 21 luglio ha offeso la parlamentare dem Alexandria Ocasio-Cortez chiamandola “fottuta pu**ana”, si è dimesso dal board dell’associazione cristiana di cui faceva parte, Bread of the World. Sarebbero stati gli stessi membri dell’associazione a chiedere a Yoho le dimissioni, dopo che le sue parole hanno suscitato scalpore in tutto il mondo e dopo il discorso con cui la deputata eletta nel 2018 nel distretto del Bronx, a New York, ha rifiutato le scuse che il parlamentare ha porto pubblicamente in aula. L’argomentazione sostenuta da Yoho (“ho una moglie e sono padre di due figlie”) era per la rappresentante dem insufficiente a giustificare le offese sessiste rivolte sulla scalinata di Capitol Hill, a Washington.

Nella suo discorso, Ocasio-Cortez ha detto: “Non è sufficiente avere una moglie o dei figli per essere considerato rispettabile bisogna comportarsi come una persona rispettabile per essere considerata tale”. Dall’associazione cristiana hanno fatto sapere che il comportamento del parlamentare non si è rivelato in linea con gli scopi del gruppo. “La nostra richiesta di dimissioni è un’azione che ribadisce il nostro impegno ad affiancare donne e persone nere, a livello nazionale e globale, per portarci a un mondo più inclusivo ed equo sulla questione razziale”, hanno fatto sapere da Bread of the World.

Leggi anche: 1. Ocasio-Cortez rifiuta le scuse del deputato che l’ha chiamata “fottuta puttana”: il potente discorso contro il sessismo 2. Ocasio-Cortez demolisce Zuckerberg: “Quando eliminerete le bugie dei politici su Facebook?” 3. Alexandria Ocasio-Cortez ha cancellato il suo profilo Facebook 4. Chi è Alexandria Ocasio-Cortez, la giovane attivista che può rivoluzionare la sinistra americana

2.4k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.