Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Le cuffie Bose sono accusate di spiare gli utenti

Immagine di copertina

Un cittadino dell'Illinois, negli Stati Uniti, ha accusato la nota azienda americana di aver fornito informazioni private a terze parti

Un uomo dell’Illinois, negli Stati Uniti, ha depositato una causa legale collettiva contro Bose, l’azienda statunitense specializzata in sistemi audio, affermando che le sue cuffie hanno inviato alcune informazioni personali a terze parti, più precisamente a un data miner conosciuto come Segment.io.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Le cuffie Bose QuietComfort 35, congiuntamente alla corrispondente applicazione Bose Connect, avrebbero raccolto le canzoni e altre tracce che l’utente stava ascoltando, per poi combinare queste informazioni a un numero di identificazione a lui collegato.

La causa penale sostiene che altri tipi di cuffie Bose stiano trasmettendo gli stessi dati, e questo costituirebbe un reato. Il problema principale è che in questo modo si potrebbero categorizzare i clienti. 

La legge statunitense definisce intercettatore colui che intercetta intenzionalmente, tenta di intercettare o fa in modo che qualcuno intercetti o tenti di intercettare qualunque comunicazione orale, scritta ed elettronica.

“Per raccogliere informazioni sui media dei clienti, l’imputato ha progettato e programmato Bose Connect per intercettare continuamente e contemporaneamente il contenuto delle comunicazioni elettroniche che i clienti inviano ai loro prodotti wireless Bose dai loro smartphone, come le istruzioni operative relative al salto e al riavvolgimento delle tracce audio e ai titoli corrispondenti“, sostiene la causa. “In altre parole, quando un utente ha interagito con Bose Connect per cambiare la propria traccia audio, il responsabile ha intercettato il contenuto di tali comunicazioni elettroniche”.

Joanne Berthiaume, la responsabile di Bose Global Public Relations, ha dichiarato in una e-mail che l’azienda ha intenzione di “combattere le accuse infamatorie e fuorvianti”.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una storia horror? Vacanza-studio in Italia”, il tweet di Amanda Knox scatena le polemiche
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una storia horror? Vacanza-studio in Italia”, il tweet di Amanda Knox scatena le polemiche
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”
Esteri / Indonesiano positivo al Covid finge di essere la moglie e prende un aereo: scoperto durante il volo
Esteri / Come funziona il Green Pass all’estero: ecco i Paesi dove è obbligatorio e per quali attività
Esteri / Ombre cinesi sul G20 di Napoli: Pechino complica l'accordo sul clima
Esteri / “Chiedono il vaccino ma è troppo tardi”: il racconto del medico che cura i pazienti Covid non vaccinati