Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Crisi umanitaria in Etiopia: raid contro un mercato nel Tigray, decine di vittime

Immagine di copertina
Una rifugiata etiope con suo figlio proveniente dalla regione del Tigray, nel campo profughi di Um Rakuba in Sudan. Credit: EPA/ALA KHEIR/ANSA

Crisi umanitaria in Etiopia: raid contro un mercato nel Tigray, decine di vittime

Decine di persone sono state uccise in Etiopia in un raid aereo da parte delle forze del governo centrale contro un mercato nella regione settentrionale del Tigray.

Secondo quanto riportato da Reuters, citando fonti mediche locali, almeno 43 persone sono state uccise nel raid che martedì avrebbe colpito il mercato della cittadina di Togoga, nei pressi del capoluogo regionale Mekelle, intorno alle 13 ora locale.

L’esercito etiope ha negato di aver attaccato civili, affermando di aver condotto gli attacchi per colpire “terroristi”. Una donna ha riferito a Reuters che il mercato era pieno di famiglie e di non aver visto forze armate nella zona, affermando che il marito e la figlia di due anni sono rimasti feriti.

Negli scorsi giorni sono stati riportati nuovi scontri nel Tigray a nord del capoluogo di Mekelle, preso dalle forze del governo centrale al termine dell’offensiva lanciata a novembre dello scorso anno contro il Fronte popolare per la liberazione del Tigray (Tplf) che governava la regione e in precedenza anche il paese, prima dell’ascesa nel 2018 dell’attuale primo ministro Abiy Ahmed.

Lunedì scorso si è tenuto nel paese un voto che nelle intenzioni di Abiy avrebbe dovuto consacrare il passaggio dell’Etiopia alla democrazia, dopo decenni di governi autoritari e elezioni pilotate.

Tuttavia dopo la guerra lanciata nel Tigray e l’arresto di numerosi esponenti dell’opposizione, la legittimità delle elezioni è stata messa in dubbio da numerosi osservatori a livello internazionale. Il voto, rimandato due volte, non è stato tenuto nel Tigray ed è stato ritardato in due altre regioni.

La scorsa settimana il sottosegretario generale delle Nazioni Unite per gli affari umanitari Mark Lowcock ha dichiarato che nel Tigray “ora c’è la carestia”, accusando i soldati eritrei intervenuti nel conflitto al fianco delle forze di Addis Abeba, di usare la fame come “arma di guerra”.

Rivolgendosi ai membri del Consiglio di sicurezza in un briefing a porte chiuse, Lowcock ha dichiarato che nella regione “lo stupro viene usato sistematicamente per terrorizzare e brutalizzare donne e ragazze. Operatori umanitari sono stati uccisi, interrogati, picchiati, fermati dal portare aiuti a chi è affamato e soffre e gli è stato detto di non tornare”.

Leggi anche: Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace /
Etiopia: le atroci storie di violenza contro le donne nel Tigray, dove lo stupro viene usato come arma di guerra /  Perché il conflitto in Tigray può trasformare l’Etiopia in una polveriera

Ti potrebbe interessare
Esteri / Corte penale internazionale, il procuratore chiede l'arresto per Netanyahu, Gallant e tre leader di Hamas
Esteri / Vittoria per Julian Assange: può fare appello contro l’estradizione negli Usa
Esteri / Iran: cosa può accadere ora dopo la morte del presidente Raisi
Ti potrebbe interessare
Esteri / Corte penale internazionale, il procuratore chiede l'arresto per Netanyahu, Gallant e tre leader di Hamas
Esteri / Vittoria per Julian Assange: può fare appello contro l’estradizione negli Usa
Esteri / Iran: cosa può accadere ora dopo la morte del presidente Raisi
Esteri / Cosa sappiamo finora sull'incidente del presidente iraniano Raisi
Esteri / Corte penale internazionale, il procuratore capo chiede l'arresto per Netanyahu, Gallant e i leader di Hamas. Israele: "Uno scandalo". Biden: "Oltraggioso". Hamas: "Equipara vittime e carnefice"
Esteri / Iran: Mokhber presidente ad interim. Ali Bagheri nominato ministro degli Esteri. Domani i funerali di Stato. Aperta un'indagine sull'incidente. Il Consiglio di Sicurezza Onu osserva un minuto di silenzio
Esteri / Guerra in Ucraina, Kiev: “I russi hanno perso 10.000 uomini in una settimana”
Esteri / Ultimatum di Gantz a Netanyahu. L’Onu: 800 mila persone in fuga da Rafah. Al Jazeera: 64 morti a Gaza nelle ultime 24 ore
Esteri / Guerra in Ucraina, Mosca: eliminati nel Donbass 125 militari ucraini in 24 ore
Esteri / Televisione israeliana: sospese le trattative su ostaggi. Attaccata petroliera al largo dello Yemen. Idf: "Ucciso Khamayseh"