Covid-party, la nuova moda dei giovani per contagiarsi e sviluppare l’immunità: Burioni lancia l’allarme

Di Redazione TPI
Pubblicato il 10 Mag. 2020 alle 08:43 Aggiornato il 10 Mag. 2020 alle 08:43
63
Immagine di copertina

Covid-party, la nuova moda dei giovani per contagiarsi e sviluppare l’immunità

Negli Stati Uniti ha preso piede una nuova moda, quella dei Covid-Party, ovvero organizzare delle feste con lo scopo di contagiarsi a vicenda e sviluppare l’immunità. Gli invitati alle feste hanno contatti con persone risultate positive al Coronavirus, al fine di essere contagiati e poter sviluppare gli anticorpi e poi tornare a circolare liberamente. Un’idea folle che ha costretto le autorità a lanciare l’allarme: finora, l’iniziativa è stata accolta positivamente dalla giovane popolazione dello stato di Washington, dove è stato individuato il focolaio iniziale della pandemia negli Stati Uniti: qui i casi superano le 15mila unità con 834 vittime.

Meghan DeBolt, direttrice dell’assessorato dalla Sanità della contea di Walla Walla, ha spiegato: “È inaccettabile ed irresponsabile esporsi deliberatamente ad un contagio è rischioso per chi lo fa e per gli altri”. In passato, i genitori soprattutto negli Stati Uniti erano favorevoli al contagio della varicella, ad esempio: per questo motivo, preferivano che i bambini entrassero in contatto con altri infetti, organizzando delle feste ad hoc. Da qui, l’idea di un Covid Party che ha preso piede soprattutto dopo che le autorità sanitarie hanno considerato l’idea dei cosiddetti passaporti di immunità, un documento cioè che certificherebbe l’assenza di rischio di contagio della persona che lo possiede: ciò permetterebbe all’individuo di viaggiare o di tornare al lavoro.

Ma a sconsigliare fortemente i Covid Party sono soprattutto i Centers for Disease Control and Prevention, l’ente federale che si occupa della salute pubblica degli USA, i quali affermano che sì, in genere i giovani che si espongono al contagio nella maggior parte dei casi (quindi non sempre è così) non hanno bisogno di un ricovero in ospedale per guarire, ma rischiano di contagiare e mettere a rischio la salute di soggetti più vulnerabili.

Covid Party, Burioni: “Non fatelo per carità”, interviene il comico Bizzarri ed è polemica

L’allerta Covid Party ha colto interesse anche in Italia. Mentre Roberto Burioni grida l’allarme e in un tweet esorta i cittadini a non seguire questa nuova moda, il comico Luca Bizzarri interviene con l’intenzione di sdrammatizzare sulla faccenda, accendendo però forti polemiche. “Guarda che invece potrebbe essere una soluzione, doc. Pensaci bene”, il suo commento ha una natura ironica, ma in tanti gli hanno puntato il dito contro, soprattutto per i tanti follower di cui dispone sui social. “Hai 1 milione e mezzo di followers. Se tutti seguissero il tuo consiglio, anche con solo l’1% di mortalità, ne manderesti a morire 15 mila. Hai una responsabilità enorme per quello che dici. La testa cosa te l’hanno data a fare?”, è la critica mossa da un utente su Twitter.

Leggi anche:

1. Coronavirus nel mondo. Trump: “Usa devono riaprire”. Germania vuole riaprire scuole e negozi entro maggio. Riparte la Bundesliga. Ue: “Nel 2020 recessione senza precedenti”/ 2. Coronavirus, negli Usa è allarme per i Covid party: “Ci ammaliamo così saremo immuni”

63
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.