Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:30
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il Covid ha colpito duramente gli indigeni in Colombia, l’appello: “Misure collettive per proteggerli” | VIDEO

La pandemia di Covid-19 mette a rischio i diritti umani fondamentali in tutto il mondo, ma colpisce ancora più duramente le realtà più vulnerabili, come le popolazioni indigene. Per proteggere la salute dei popoli indigeni di Ticoya dell’Amazzonia, l’Associazione Luca Coscioni, realtà attiva a livello internazionale a tutela del diritto alla scienza e alla salute, ha avviato un’azione internazionale, che ha reso nota in occasione della Giornata mondiale per la protezione e promozione dei diritti umani.

Nella riserva Ticoya, ubicata nella regione amazzonica della Colombia,  vivono 6273 persone di etnia Ticuna, Cocama e Yagua, distribuite in 22 comunità indigene. Qui le autorità nazionali non hanno adottato le necessarie misure preventive per contenere i contagi. Dall’inizio della pandemia i casi all’interno delle popolazioni indigene dell’intera Colombia hanno riguardato il 2,04 per cento dei contagi della popolazione colombiana e il numero di decessi è di circa 821, dato arrotondato per difetto per difficoltà di reperimento dati.

L’Associazione Luca Coscioni da agosto 2020 si è unita a due associazioni colombiane “Centro de Alternativas al Desarrollo” e la “Comisión Intereclesial de Justicia y Paz ”, in un lavoro di cooperazione tra i leader delle comunità indigene. Insieme hanno avviato un’azione internazionale con lo scopo di chiedere ufficialmente alla Commissione interamericana dei diritti umani di prendere in considerazione misure cautelari collettive a favore delle comunità della riserva indigena.

Nel filmato il video-appello di don Humberto Monje Fajardo (Presidente dell’Associazione delle autorità indigene di Ticoya e rappresentante legale della Riserva di Ticuna, Cocama y Yagua nel municipio di Puerto Nariño, dell’Amazzonia colombiana) e Lina María Caicedo Rodríguez, avvocata colombiana della Fundación CEALDES.

Leggi anche: 1. “Ho trascorso vent’anni con gli indios in Brasile: ecco cosa ho imparato” /2. La leader indigena Nemonte Nenquimo nominata “eroina dell’ambiente”/3. Nasce Covid-leaks, la piattaforma per segnalazioni anonime sui dati della pandemia

Ti potrebbe interessare
Esteri / I sospetti dei media Usa e inglesi sulla vittoria di Jacobs: “La storia è piena di vincitori dopati”
Esteri / Regno Unito, in autunno terza dose di vaccino per tutti: la decisione di Boris Johnson
Esteri / Vettel contro Orban: indossa la maglietta pro Lgbt. “Sostengo chi soffre, squalificatemi”
Ti potrebbe interessare
Esteri / I sospetti dei media Usa e inglesi sulla vittoria di Jacobs: “La storia è piena di vincitori dopati”
Esteri / Regno Unito, in autunno terza dose di vaccino per tutti: la decisione di Boris Johnson
Esteri / Vettel contro Orban: indossa la maglietta pro Lgbt. “Sostengo chi soffre, squalificatemi”
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Esteri / Teologo musulmano critica i completi delle pallavoliste turche: “Siete sultani della fede, non dello sport”
Esteri / Variante Delta, Fauci: “Vaccinati o no, la contagiosità dei positivi è identica”
Esteri / Obbligo di vaccino per i dipendenti Google e Facebook
Esteri / A che punto è la crisi politica in Tunisia: Said licenzia 20 alti funzionari di governo