Covid ultime 24h
casi +20.648
deceduti +541
tamponi +176.934
terapie intensive -9

Covid, un’app prevede quanto è rischioso un pranzo in famiglia

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 16 Nov. 2020 alle 19:45
57
Immagine di copertina

Covid: un’app prevede quanto è rischioso un pranzo in famiglia

Un’app rivela quanti rischi si possono correre di contrarre il Covid durante un pranzo in famiglia. L’applicazione, che si chiama Event Risk Planning Tool, è stata sviluppata dal Georgia Institute of Technology, negli Usa, in previsione del giorno del Ringraziamento del 26 novembre. Il sistema permette di verificare il rischio su tutto il territorio statunitense, ma anche in alcuni Paesi europei tra cui anche l’Italia, basandosi sull’incidenza dei casi in un luogo e sui dati di sieroprevalenza disponibili. Secondo quanto spiegato sulla rivista Mit Tecnology Review, il sistema permette di variare il numero di partecipanti alla tavolata così da fare più simulazioni e decidere il da farsi.

“Il rischio può essere ridotto indossando le mascherine, applicando il distanziamento sociale o ritrovandosi all’aperto in gruppi più piccoli” dichiarano gli autori del sistema, che permette di calcolare la percentuale di rischio di contrarre il Covid sedendosi a tavola con altre persone, a seconda della loro provenienza. Per quanto riguarda i dati italiani, secondo l’app se si organizza un pranzo o una cena con 15 persone in provincia di Milano c’è il 55% di possibilità che a tavola vi sia un positivo al Coronavirus. In provincia di Lecce, invece, le probabilità scendono all’8%.

Leggi anche: 1. Covid, vaccino Moderna efficace al 94,5%: “Dura fino a 30 giorni nei frigoriferi di casa” / 2. Dpcm 3 dicembre, shopping per fasce d’età e consentiti gli spostamenti tra Regioni: le indiscrezioni / 3. Nonostante le figuracce, Zangrillo dà voti agli altri medici. Ma è lui che andrebbe giudicato

4. La sanità pubblica in Lombardia non funziona? Ci pensa il San Raffaele a far cassa: consulto Covid al telefono per 90 euro / 5. Esclusivo TPI – Inchiesta tamponi falsi Campania, parte 2. Parla il principale indagato: “La Asl Napoli 3 sapeva, ho fatto test per loro. Ho le fatture che lo dimostrano” /  6. Esclusivo: Cotticelli a TPI: “Davo fastidio alla massoneria. Volevano eliminarmi, non potendo uccidermi mi hanno screditato”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

57
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.