Covid ultime 24h
casi +23.225
deceduti +993
tamponi +226.729
terapie intensive -19

Coronavirus, ultime notizie dal mondo. Germania, mini-lockdown dal 2 novembre. Francia, da venerdì nuovo lockdown, ma scuole aperte

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 28 Ott. 2020 alle 06:34 Aggiornato il 28 Ott. 2020 alle 20:27
3
Immagine di copertina

Coronavirus, ultime notizie dal mondo: tutte le news in tempo reale

CORONAVIRUS, ULTIME NOTIZIE DAL MONDO – Nel mondo si contano oltre 40 milioni di casi accertati di Coronavirus, a fronte di oltre un milione di morti. Qui le ultime notizie sul Covid-19 in Italia. Di seguito le notizie dal mondo sul Coronavirus di oggi, mercoledì 28 ottobre 2020, aggiornate in tempo reale.

Ore 20,15 – Francia, da venerdì nuovo lockdown, ma scuole aperte: annuncio di Macron – “Se non diamo un colpo fatale ai contagi i nostri ospedali saranno presto pieni, senza possibilità di trasferire i malati perché il virus è dappertutto. Dopo aver consultato attori sociali, politici ed economici e scienziati, ho deciso che c’è bisogno di riprovare il lockdown a partire da venerdì, la chiusura che ha già fermato il Paese in primavera”, così il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato le nuove misure di contenimento del Coronavirus in Francia di cui, ha detto, “si assume la piena responsabilità”. Qui tutti i dettagli.

Ore 19,00 – Svizzera: bar e ristoranti chiudono alle 23 – La Svizzera ha introdotto nuove restrizioni contro la pandemia di Covid-19: le discoteche verranno chiuse e bar e ristoranti potranno restare aperti solo fino alle 23, inoltre saranno vietati gli eventi con oltre 50 persone e verrà esteso l’obbligo di indossare la mascherina, che dovrà essere portata anche sul posto di lavoro se non è possibile mantenere la distanza di sicurezza di 1,5 metri. Lo riporta la Radiotelevisione svizzera.

Ore 18,15 – Germania, mini-lockdown dal 2 novembre – La Germania ha deciso che, per contrastare l’avanzata vertiginosa di casi da Coronavirus all’interno del Paese, a partire dal 2 novembre bar e ristoranti rimarranno chiusi. Non solo: la misura coinvolge anche i teatri e i cinema, le palestre e gli studi cosmetici. Si tratta, in sostanza, del mini-lockdown di cui si parlava da qualche giorno in Germania. Contestualmente, il Governo si impegna a rilasciare un pacchetto di aiuti economici fino a 10 miliardi di euro per tutti i gestori colpiti dalle misure. Ad annunciarlo, oggi pomeriggio al termine di un vertice in videoconferenza con i governatori dei Laender, è stata la cancelliera Angela Merkel. “Oggi è un giorno difficile per chi deve prendere decisioni. E’ assolutamente chiaro, dobbiamo agire – ha detto – e agire adesso. Sono misure pesanti, ma serve un grande sforzo nazionale visto che la situazione è seria. Lo scopo di queste misure è quello di poter tornare a dicembre ad una normale vita pubblica in tutta la Germania. A due settimane dall’entrata in vigore delle nuove restrizioni tornerò a confrontarmi con i Laender, per decidere insieme se vadano prese altre decisioni oppure se queste misure dovranno essere modificate”.

Ore 16,45 – Australia, festa a Melbourne per fine lockdown dopo quasi 4 mesi – Primo giorno di libertà per i residenti di Melbourne, usciti dal lockdown in vigore da quasi quattro mesi per arginare la pandemia di Covid-19. Dopo la mezzanotte, quando è scattata la fine ufficiale delle restrizioni, in molti hanno festeggiato con raduni e brindisi nei locali appena riaperti, come se fosse un capodanno. Durante la giornata i residenti sono tornati nei negozi e nei ristoranti per riprendere le loro abitudini quotidiane, nel rispetto delle norme sanitarie ancora in vigore. Una notizia, quella che giunge da Melbourne, in controtendenza rispetto all’Europa, dove alcuni Paesi stanno richiudendo anche a livello nazionale. Melbourne, seconda città dell’Australia e capitale dello Stato di Victoria (Sud-Est), 4,9 milioni di residenti, epicentro della crisi sanitaria in Australia, ha vissuto uno dei lockdown più lunghi al mondo, sia durante la prima che quella che viene considerata la seconda ondata del nuovo Coronavirus.

Ore 15,55 – Germania, verso nuove misure già dal 2 novembre – L’eventuale “lockdown light” di cui stanno discutendo Angela Merkel ed i Laender tedeschi potrebbe partire già lunedì prossimo, il 2 novembre, e non il 4 novembre come affermato in precedenza.  La notizia emerge dal vertice in videoconferenza in corso tra la cancelliera e i governatori. Stando alla bozza sulle nuove misure volte a fermare l’aumento drastico dei contagi da Coronavirus, il provvedimento rimarrà in vigore per almeno quattro settimane.

Ore 14,05 – Ue, nuova ondata? norme allentate troppo presto – Le misure di distanziamento sociale “sono state allentate troppo presto ed è per questo che c’è la seconda ondata”. Lo dice Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea. “Non sapremo se ci saranno altre ondate”, ammette la tedesca. “Nella prima parte dell’anno abbiamo ridotto sensibilmente i contagi”, ricorda von der Leyen, “ma dopo l’estate abbiamo assistito a un nuovo aumento, in alcuni casi anche esponenziale”. Il virologo Peter Piot, consigliere di von der Leyen per la lotta al coronavirus, ammette di essere stato “troppo ottimista” sul “rispetto delle norme” da parte delle persone. “Si ripara il tetto quando splende il sole, dovevamo fare di più per tracciare”, si rammarica il virologo.

Ore 13,15 – Vaccino: von der Leyen, da aprile fino a 50 mln dosi mese in Ue – Grazie ai contratti stipulati negli ultimi mesi, “l’Ue potrà contare dalle 20 alle 50 milioni di dosi di vaccino al mese a partire da aprile”. Lo ha detto Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, nel corso della conferenza stampa di presentazione del nuovo piano di coordinamento Ue per il contrasto alla seconda ondata. “Nella migliore delle ipotesi – spiega la tedesca – l’Ue potrà vaccinare fino a 700 milioni di persone” potendo così “fare delle donazioni ai Paesi più bisognosi”.

Ore 12,53 – Ue, situazione molto grave intensificare risposta Unione – “La situazione del Covid-19 è molto grave. Dobbiamo intensificare la nostra risposta dell’Ue”. Così la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. “Oggi stiamo lanciando ulteriori misure nella nostra lotta contro il virus; dall’aumentare l’accesso a test rapidi e preparare campagne di vaccinazione a facilitare il viaggio sicuro quando necessario – ha aggiunto -. Invito gli Stati membri a collaborare strettamente. Misure coraggiose intraprese ora aiuteranno a salvare vite umane. Nessuno Stato membro uscirà in sicurezza da questa pandemia fino a quando non lo faranno tutti”.

Ore 10,30 – Iran: presidente Parlamento positivo al Covid – Il presidente del Parlamento iraniano , Mohammad Baqer Qalibaf, ha annunciato di essere positivo al nuovo coronavirus, poche settimane dopo essere stato criticato da diversi funzionari di governo per aver visitato un ospedale nella capitale di Teheran. “Uno dei miei colleghi d’ufficio ha contratto il coronavirus, e a mezzanotte anche i risultati delle mie analisi erano positivi”, ha dichiarato in un tweet.

Ore 10,15 – In Europa torna l’incubo lockdown: dalla Francia alla Germania, mezzo continente pronto a nuove strette – Nel vecchio continente i nuovi contagi da Covid sono aumentati del 36 per cento e sempre più paesi pensano a nuove chiusure. Leggi la notizia completa.

Ore 8,00 – Germania, Merkel propone lockdown light da 4 novembre – La cancelliera tedesca, Angela Merkel, dovrebbe proporre un lockdown light nazionale per un mese a partire dal 4 novembre nella riunione con i governatori regionali in programma oggi, per far fronte all’impennata dei casi di coronavirus e alla riduzione dei posti in ospedale. Lo rivela Bild, spiegando che la misura prevede la chiusura di bar, ristoranti, cinema, teatri, centri sportivi; limiti rigorosi alle riunioni tra persone, ma non la chiusura di scuole e asili.

Ore 07,00 – Francia verso un nuovo lockdown di un mese – La Francia è vicinissima a un nuovo lockdown di un mese. Le nuove misure restrittive saranno decise durante il Consiglio di difesa che oggi anticiperà quello dei ministri. Secondo le indiscrezioni, tutto può cambiare fino all’ultimo momento, ma per tutta la giornata si è preparato il terreno e l’opinione pubblica al “peggio”: ovvero il temuto nuovo “confinement” per tutto il territorio dell’Esagono e i suoi circa 67 milioni di abitanti. “Dovremo decidere delle misure per far fronte all’aumento esponenziale dell’epidemia – ha confermato, al termine di una riunione del premier Jean Castex con i responsabili politici e le associazioni di parlamentari, evocando fra l’altro “un ampliamento del coprifuoco o un confinamento che può essere localizzato nei territorio o nazionale”, ricordando il rapido aggravarsi della situazione anche nei Paesi vicini. Il coprifuoco attualmente in vigore riguarda 46 milioni di Francesi e dura dalle 21 alle 6 del mattino: fra le ipotesi allo studio alternative alla nuova chiusura c’è anche quello di anticiparlo alle 19. Lo scenario più probabile di un secondo “lockdown” prevede comunque di mantenere aperte scuole e negozi e funzionanti i servizi del trasporto pubblico, un po’ come in Irlanda. Insomma, si cercherebbe di preservare “una parvenza di attività economica per evitare la catastrofe”, ha riferito al termine della riunione il presidente dell’associazione dei sindaci François Baroin. Il primo ministro Castex ha preannunciato un dibattito parlamentare giovedì sulle nuove misure che ha definito “indispensabili”. I partiti di opposizione hanno accusato la maggioranza di “improvvisazione, panico, assenza di strategia”. Una “gestione erratica della crisi sanitaria” è stata in particolare denunciata dalla leader del Front National, Marine Le Pen. Quello che preoccupa soprattutto il governo, al punto da farlo propendere per misure drastiche e impopolari, è il possibile collasso delle strutture ospedaliere francesi: già da qualche giorno sono cominciati i trasferimenti in aereo di pazienti da una regione all’altra per distribuire il carico di lavoro sui diversi reparti di terapia intensiva. Anche se , avvertono gli esperti, in questa seconda ondata l’epidemia non è localizzata ma nazionale.

Ore 06.30 – Il Brasile sfiora i 158 mila morti, oltre 5,4 milioni di contagi – Il Brasile sfiora i 158 mila decessi da Covid-19 mentre il numero totale dei contagi confermati dall’inizio della pandemia è di oltre 5,4 milioni. In un giorno, i nuovi casi sono stati 29,787. Il Brasile (210 milioni di abitanti) è al secondo posto per numero di decessi, dopo gli Usa, e al terzo per i contagi, dopo Usa e India.

Ore 06.00 – Il Messico supera i 900mila casi, quasi 90mila i morti – Il Messico ha raggiunto 901.268 casi di coronavirus e 89.814 morti. Nelle ultime 24 ore si registrano 5.942 nuovi contagi e 643 decessi. I dati sono stati diffusi dal Ministero della Salute. Con queste cifre, il Messico è il decimo paese con il maggior numero di infezioni e il quarto con il maggior numero di morti per malattia, secondo la Johns Hopkins University.

CORONAVIRUS, ULTIME NOTIZIE DAL MONDO: COSA È SUCCESSO IERI 

In Brasile ‘in arrivo 6 milioni dosi del vaccino cinese’ – Il governatore di San Paolo, Joao Doria, ha annunciato l’arrivo di sei milioni di dosi del vaccino anti-Covid prodotto dal laboratorio cinese Sinovac. “Sei milioni di dosi del vaccino arriveranno entro la fine di questa settimana, domenica o lunedì, con un volo speciale per San Paolo”, ha detto Doria. Il governatore dello Stato brasiliano ha firmato un accordo con il laboratorio Sinovac per i test e la successiva produzione del vaccino Coronavac presso l’Istituto Butantan, dell’Università di San Paolo. Doria ha poi precisato di essere “in attesa dell’autorizzazione di Anvisa (Agenzia nazionale di sorveglianza sanitaria, ndr) per l’acquisto di forniture per in grado di produrre 40 milioni di unità del farmaco in Brasile e per la successiva vaccinazione”.

Ricerca Gb: anticorpi perdono forza rapidamente – Le persone reduci dal Covid-19 non sono al riparo dalla possibilità di ulteriori contagi neppure in tempi relativamente brevi, e gli asintomatici sembrano andare incontro a un rischio ancor maggiore di ricaduta. Lo conferma la ricerca condotta su oltre 350.000 persone in Inghilterra da un team dell’Imperial College di Londra in collaborazione con l’istituto demoscopico Ipsos-Mori e ripresa oggi dai media britannici. Stando ai dati dello studio, oltre un quarto delle persone testate positive al nuovo coronavirus ha fatto registrare un calo rapido e significativo degli anticorpi fra giugno e settembre. Un calo che risulta avvenire in misura più veloce fra i pazienti anziani (over 65) e fra i reduci da infezioni asintomatiche.

Francia: 523 morti nelle ultime 24 ore – Gli ospedali sono sempre più verso il punto di non ritorno. Per questo domani alle 20 il presidente Macron parlerà alla nazione: tra le misure che potrebbero essere annunciate c’è un lockdown a livello nazionale o un coprifuoco anticipato con confinamento nel fine settimana. Il centro ospedaliero universitario di Tolosa, intanto, ha i reparti Covid già saturi e non possono più accogliere altri pazienti. “Bisogna aspettarsi decisioni difficili“: ha dichiarato il ministro francese dell’Interno, Gérald Darmanin, prima di partecipare al Consiglio di Difesa che in questi mesi sta lavorando alla gestione della crisi sanitaria.

Russia, Lavrov in contatto con positivo si mette in isolamento – In auto-isolamento il ministro degli Esteri Sergei Lavrov. Nei giorni scorsi, ha reso noto l’agenzia RIA Novosti, è stato in contatto con una persona che è risultata positiva al Covid-19. Tutte le riunioni e le visite in programma sono rinviati.

Leggi anche: 1. Esclusivo TPI: “Che me ne fotte, io gli facevo il tampone già usato e gli dicevo… è negativo guagliò”. La truffa dei test falsi che ha fatto circolare migliaia di positivi in Campania / 2. Truffa tamponi falsi in Campania, Sileri a TPI: “Questi sciacalli vanno puniti per procurata epidemia” / 3. Covid, il piano del Governo: lockdown o coprifuoco alle 21 se i contagi non calano in 7 giorni

4. In Italia servono medici specialisti, ma la graduatoria è bloccata: “Ritardo grava su ospedali” / 5. Roma, Pronto Soccorso bloccati dal virus: “Qui la situazione è già esplosa. Chiuderemo gli ospedali, sarà tutto Covid” / 6. Galli a TPI: “A Milano la situazione è sfuggita di mano. Coprifuoco? Ormai è tardi”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

3
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.