Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Coronavirus, un nuovo studio rivela: “Si è diffuso a settembre e non a Wuhan, ma nel Sud della Cina”

Immagine di copertina

La ricerca è stata condotta dal genetista Peter Forster dell'Università di Cambridge e si basa sull'isolamento di 160 ceppi del Covid-19

Coronavirus, un nuovo studio rivela: “Diffuso a settembre e non a Wuhan”

Il Coronavirus si sarebbe diffuso a settembre e non a Wuhan, ma bensì nel sud della Cina: lo rivela un nuovo studio britannico, che potrebbe aprire scenari clamorosi sulla storia dell’epidemia di Covid-19. La ricerca, effettuata dal genetista Peter Forster dell’Università di Cambridge e pubblicata dalla rivista scientifica Proceedings of the National Academy of Sciences, non è stata ancora certificata dalla comunità scientifica e si basa sull’isolamento di 160 ceppi del virus, che, a parere degli scienziati che vi hanno lavorato, sarebbe anche mutato in tre varianti.

Coronavirus, Cina: nessuna prova che virus è nato in laboratorio

Intervistato dal South China Morning Post, Forster ha affermato che “La diffusione del virus è partita più verosimilmente nel sud della Cina e non a Wuhan, ma le prove possono arrivare soltanto dall’analisi di ulteriori pipistrelli. Il virus potrebbe essere mutato nella sua forma finale mesi fa, ma è rimasto all’interno di un pipistrello o di un altro animale o addirittura degli uomini per diversi mesi senza infettare altre persone”. Lo studio, dunque, fissa la data dell’inizio dell’epidemia tra il 13 settembre e il 7 dicembre. Ma le sorprese non sono finite qui. Secondo lo studio, infatti, in circolazione vi sarebbero 3 ceppi del virus, catalogati come A, B e C. I ricercatori sono convinti che il ceppo B, quello che si è diffuso Wuhan, sarebbe diverso da un altro ceppo, catalogato come A, che sarebbe stato isolato a Guangdong, a circa 500 chilometri dalla capitale della Hubei. Quello che si è diffuso in Europa, il virus C, sarebbe invece un derivato del ceppo B.

Leggi anche: 1. Coronavirus: gli 11 giorni di Wuhan che avrebbero potuto salvare il mondo dalla pandemia / 2. Coronavirus: Wuhan festeggia la fine del lockdown con uno spettacolare show di luci e colori | VIDEO

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Minacce di morte a Megan Markle: cosa è successo alla moglie di Harry
Esteri / Genitori No vax bloccano l’operazione che può salvare la vita del figlio: “Non vogliamo sangue di vaccinati”
Esteri / Il leader ceceno Kadyrov risponde al Papa: “Vergognoso, è rimasto vittima della propaganda”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Minacce di morte a Megan Markle: cosa è successo alla moglie di Harry
Esteri / Genitori No vax bloccano l’operazione che può salvare la vita del figlio: “Non vogliamo sangue di vaccinati”
Esteri / Il leader ceceno Kadyrov risponde al Papa: “Vergognoso, è rimasto vittima della propaganda”
Esteri / Monaci positivi al test antidroga: chiuso un tempio buddhista
Esteri / Chi era la 16enne iraniana uccisa perché indossava un cappello da baseball al posto del velo
Esteri / Singapore, abrogata la legge che puniva sesso gay: risaliva all’epoca coloniale
Esteri / Per 11 giorni aggrappati al timone di una petroliera: tre migranti sopravvivono alla traversata dalla Nigeria alle Canarie
Esteri / L’allarme di Kiev: “Navi russe con 84 missili nel Mar Nero e nel Mediterraneo”
Esteri / Qatar, un alto dirigente ammette che i lavoratori morti per preparare i Mondiali sono stati “tra i 400 e i 500”
Esteri / “Diritti tutelati dalla legge”: la Cina si difende dalle accuse di repressione del dissenso per le politiche anti-Covid