Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 20:48
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Coronavirus: gli 11 giorni di Wuhan che avrebbero potuto salvare il mondo dalla pandemia

Immagine di copertina

Il 9 gennaio nella capitale dell'Hubei viene registrato il primo decesso per Covid-19, ma le autorità cinesi ammettono l'esistenza di un nuovo virus solamente il 21

Coronavirus: gli 11 giorni di Wuhan che avrebbero potuto salvare il mondo dalla pandemia

11 giorni: è il tempo intercorso tra il primo decesso per Covid-19 a Wuhan e l’ammissione da parte delle autorità cinesi dell’esistenza di un nuovo Coronavirus, un periodo che poteva salvare il mondo dalla pandemia. Secondo quanto svelato dal Sole 24 ore, infatti, in quel lasso di tempo, almeno 5 milioni di persone hanno lasciato la provincia dell’Hubei muovendosi in altre zone della Cina e forse anche del mondo, diffondendo, inconsapevolmente, un nuovo virus. Secondo quanto ricostruito, infatti, il 9 gennaio a Wuhan viene registrata la prima vittima ufficiale da Coronavirus: si tratta di un 61enne che nei giorni precedenti aveva frequentato l’ormai famigerato mercato della città, legato a molti dei primi casi di Covid-19.

Nel 2005 Bush avvisò sulla pandemia: “Se aspettiamo che arrivi sarà troppo tardi”

Le autorità cinesi sono convinte che le polmoniti registrate, inclusa quella che ha ucciso l’uomo, siano state trasmesse da animale a uomo, sottovalutando il pericolo e circoscrivendo gli infetti a coloro che avevano frequentato il mercato di Wuhan. Tuttavia, 5 giorni dopo la morte del 61enne anche la moglie inizia ad avvertire gli stessi sintomi. E, dettaglio importante, la donna non ha mai frequentato il mercato della città. È un segnale, dunque, che il Covid-19 si sta diffondendo da uomo a uomo. La Cina, tuttavia, continua a negare l’esistenza di un nuovo virus, mentre l’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che le indagini preliminari cinesi “non hanno trovato prove chiare della trasmissione da uomo a uomo del nuovo coronavirus identificato a Wuhan”.

Il 21 gennaio, 11 giorni dopo la morte del 61enne e 48 ore prima che Xi Jinping imponga il lockdown, Zhong Nanshan, stimato epidemiologo cinese, ammette alla tv pubblica la diffusione di un nuovo Coronavirus tra essere umani. Un arco di tempo che poteva cambiare la sorti del virus in Cina nel resto del mondo, così come dimostra anche un recente studio condotto dai ricercatori dell’Università di Southampton, nel Regno Unito. Secondo la ricerca, infatti, se la Cina avesse agito con tre settimane di anticipo rispetto al 23 gennaio, data del lockdown totale, il numero di casi di Covid-19 si sarebbe potuto ridurre del 95 per cento. Ma anche una sola settimana secondo gli studiosi avrebbe ridotto il contagio globale del 66 per cento.

Leggi anche: 1. Le ultime notizie sull’epidemia di Coronavirus nel mondo / 2. Coronavirus, dal Turkmenistan alla Corea del Nord: i Paesi dove ufficialmente il Covid-19 non esiste

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia, primi risultati delle legislative: il partito di Putin in netto calo, boom dei comunisti
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia, primi risultati delle legislative: il partito di Putin in netto calo, boom dei comunisti
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Esteri / Instagram danneggia la salute mentale delle adolescenti. Facebook lo sa, ma non fa niente
Esteri / “Il burqa non è nella nostra cultura”: la campagna social delle donne afghane contro i talebani
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Esteri / Israele, morto per Covid il leader dei no vax. Anche dall’ospedale incitava i suoi: “Continuate le proteste”
Esteri / “Dopo l’assalto a Capitol Hill i militari tolsero a Trump l’accesso alle armi nucleari”
Esteri / La Corte europea dei diritti dell’uomo: il green pass “non viola i diritti umani”