Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 07:00
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

In Italia record di morti. Secondo uno studio di Oxford è colpa della famiglia

Immagine di copertina

Il bollettino sul Coronavirus reso noto dal commissario per l’emergenza Angelo Borrelli in conferenza stampa alla Protezione civile del 18 marzo è stato tra i più duri: 475 morti in un solo giorno. Numeri che ancora una volta ci mettono di fronte all’ardua domanda: perché l’Italia paga un prezzo così alto in termini di vite umane?

Qualche giorno fa è stato pubblicato uno studio preliminare realizzato da Jennifer Beam Dowd, epidemiologa e demografa dell’Università di Oxford, insieme a un gruppo di colleghi che prende in esame il caso italiano, per capire come un’alta percentuale di anziani sulla popolazione possa influire sul tasso di letalità. Lo studio è stato pubblicato in anteprima, in attesa di una verifica alla pari e della sua successiva pubblicazione su una rivista scientifica.

Lo studio di Dowd e colleghi conferma che la COVID-19 pone un rischio molto alto per i più anziani, soprattutto nelle fasce tra 70-79 e 80-89 anni. In Italia quasi un quarto della popolazione ha più di 65 anni, e questo aumenta il rischio di un duro impatto della malattia sul nostro paese.

Ma non solo, secondo i ricercatori, sull’alto tasso di mortalità potrebbe aver influito il nostro senso della famiglia.

“L’Italia è un paese caratterizzato da ampi contatti intergenerazionali che sono supportati da un elevato grado di vicinanza residenziale tra figli adulti e i loro genitori”, si legge sullo studio. “Anche quando le famiglie intergenerazionali non vivono insieme, sono frequenti i contatti quotidiani tra coppie genitori-figlio non residenti. Molti italiani spesso preferiscono vivere vicino alla famiglia allargata e andare al lavoro tutti i giorni. Secondo gli ultimi dati disponibili dell’Istituto nazionale di statistica italiano, questo vasto pendolarismo colpisce oltre la metà della popolazione nelle regioni settentrionali. Queste interazioni intergenerazionali, la co-residenza e i modelli di pendolarismo potrebbero aver accelerato l’epidemia in Italia con un aumentato della vicinanza degli anziani ai casi infetti iniziali. La struttura per età, insieme alla diagnosi precoce e al trattamento, spiega probabilmente anche il basso numero di vittime in Corea del Sud e Singapore rispetto all’Italia. L’epidemia coreana, sebbene grande, si è concentrata tra le giovani reclute del gruppo religioso Schincheonji, con solo il 3,3% dei casi che rientra nel gruppo molto vulnerabile > 80”.

Quindi, il fatto che i giovani vivono con i genitori fino a un’età avanzata, e che i nonni e i parenti più anziani di solito vivono nelle vicinanze; e che ci tocchiamo, ci abbracciamo, ci baciamo sulle guance per salutarci, ha dato una spinta alla diffusione dell’epidemia presso le fasce più anziane e vulnerabili. Ci vorrà molto tempo per individuare con precisione le cause che hanno fatto sì che il nostro Paese venisse colpito in questo modo. Le tante situazioni di emergenza e la sofferenza che sta colpendo città come Bergamo e altre del nord Italia non permettono facili conclusioni. Questo è il momento del cordoglio e dell’unità, per andare avanti nella lotta contro il Coronavirus.

Leggi anche: 1. Il paradosso dei tamponi per il Coronavirus: se un calciatore è positivo fanno test a tutta la squadra, ma non ai medici in prima linea /2. Mascherine gratis per tutti: l’azienda italiana tutta al femminile che ha convertito la produzione industriale per il Coronavirus

3. Coronavirus, i ricercatori cinesi in Italia: “Vi abbiamo portato il plasma con gli anticorpi” /4. Coronavirus, Bergamo: così vengono curati i pazienti, sistemati anche nei corridoi

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Esteri / Instagram danneggia la salute mentale delle adolescenti. Facebook lo sa, ma non fa niente
Esteri / “Il burqa non è nella nostra cultura”: la campagna social delle donne afghane contro i talebani
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Esteri / Israele, morto per Covid il leader dei no vax. Anche dall’ospedale incitava i suoi: “Continuate le proteste”
Esteri / “Dopo l’assalto a Capitol Hill i militari tolsero a Trump l’accesso alle armi nucleari”
Esteri / La Corte europea dei diritti dell’uomo: il green pass “non viola i diritti umani”
Esteri / Incendio in Spagna: migliaia di persone in fuga dalle fiamme vicino alla Costa del Sol