Coronavirus:
positivi 47.986
deceduti 33.142
guariti 150.604

Coronavirus, la Catalogna sceglie chi intubare e chi no: “80enni non vanno in rianimazione”

"Non stiamo scegliendo chi deve vivere e chi no, ma il sistema non può collassare": il documento della Generalitat con le istruzioni al personale sanitario e ai lettighieri

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 1 Apr. 2020 alle 16:38 Aggiornato il 1 Apr. 2020 alle 16:39
1.2k
Immagine di copertina
Reparti in Catalogna Credits: Ansa

Coronavirus Catalogna: dove si sceglie chi intubare

Il Coronavirus fa paura in Catalogna, dove i posti in rianimazione scarseggiano e gli ottantenni vengono messi in fondo alla fila: un documento della Generalitat, il governo di Barcellona, con le istruzioni al personale sanitario e ai lettighieri su come convincere le famiglie a non pretendere il ricovero dei più anziani nei reparti di terapia intensiva sta suscitando indignazione in Spagna, dove la situazione per la pandemia sta letteralmente esplodendo. 

Le direttive, su carta intestata e in catalano, esortano gli operatori delle ambulanze, chiamati a domicilio per nuovi casi sospetti di contagio da Coronavirus, a non accennare al fatto che “i letti in rianimazione non bastano per tutti” come motivo per il mancato ricovero, limitandosi a sconsigliare “cure invasive, come la ventilazione meccanica”, se il malato ha più di 80 anni e patologie pregresse.

E a suggerire che, in momenti come questi, “morire a casa è l’opzione migliore, se è possibile controllare i sintomi”. Per vincere le eventuali insistenze di fronte al diniego, dovrà essere ricordato che al pronto soccorso i parenti non possono entrare e tantomeno visitare il paziente o accompagnarlo nei suoi ultimi momenti. “Non stiamo scegliendo chi deve vivere e chi no – si giustificano gli autori del protocollo -, ma solo chi può sostenere meglio trattamenti aggressivi”.

Agli esclusi le squadre d’emergenza sono autorizzate a somministrare ossigeno con la maschera; e poi, dai famigliari distrutti, si congederanno indicando la terapia farmacologia da somministrare ai loro cari per placare la sensazione di annegamento. Il primo triage, insomma è ormai a domicilio e soltanto chi, per età e condizioni generali, mostra concrete possibilità di sopravvivere può sperare di essere intubato.

“Non è mai esistita una cosa simile – ha detto un’infermiera, intervistata da El Mundo, che già qualche giorno fa aveva rivelato le raccomandazioni della Generalitat di non trasportare al pronto soccorso chi aveva una prognosi grave o poche speranze di vita -. Prima portavamo in ospedale qualunque anziano non autonomo e si tentava di tutto per salvarlo, come se avesse un’aspettativa di vita fino a 200 anni. Adesso si soppesa la qualità del paziente perché il sistema non collassi”.

Leggi anche:

1. Gori: “Le bare di Bergamo sono solo la punta di un iceberg, i nostri morti sono quasi tre volte quelli ufficiali” / 2. Il Messico rischia di diventare un nuovo epicentro della pandemia / 3. Ci sono Comuni a contagi zero. Quali sono e dove si trovano le città “immuni”

4. Il racconto di Andrea, 33 anni: “In 24 ore sono finito in terapia intensiva, non avevo patologie pregresse” / 5. Scontro tra Viminale e Regioni per il si alla passeggiata dei bambini: “Scelta irresponsabile, così si dà un messaggio sbagliato” / 6. L’esperto di pandemie Vespignani: “Il virus continuerà a circolare anche in estate”

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

1.2k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.