Covid ultime 24h
casi +15.199
deceduti +127
tamponi +177.848
terapie intensive +56

La (discutibile) pagina di supporto all’Italia del quotidiano tedesco Bild

Di Anna Ditta
Pubblicato il 2 Apr. 2020 alle 12:24 Aggiornato il 2 Apr. 2020 alle 15:22
351
Immagine di copertina
L'edizione odierna del quotidiano tedesco 'Bild' dedica un messaggio all'Italia: "Siamo con voi"

La (discutibile) pagina di supporto all’Italia del quotidiano tedesco Bild

Il quotidiano Bild Zeitung, il giornale più letto in Germania, ha utilizzato oggi una pagina per esprimere solidarietà all’Italia colpita dal Coronavirus. “Siamo con voi”, si legge nel titolo a caratteri cubitali della pagina che mostra una grande foto di una infermiera di Bergamo, Martina Papponetti, attorniata dalla bandiera italiana e da quella tedesca. “Piangiamo insieme a voi per i vostri i morti”, si legge nell’articolo, pubblicato integralmente anche in italiano nella versione online della Bild. “Vi siamo vicini in questo momento di dolore perché siamo come fratelli”, prosegue il tabloid.

L’articolo – che sembra nell’intento voler esprimere solidarietà al nostro paese – ripercorre però una serie di luoghi comuni sulla cucina e sul turismo in Italia. “Ci avete aiutato a far ripartire la nostra economia. Ci avete portato cose buone da mangiare”, si legge infatti nel testo. “Improvvisamente anche da noi c’erano antipasti, farfalle, tiramisù. Non più solo crauti e patate e polpettone”.

L’edizione odierna del quotidiano tedesco ‘Bild’ dedica un messaggio all’Italia: “Siamo con voi”. ANSA

“L’Italia, il Paese che è sempre stato nel nostro cuore”, continua l’articolo, che cita una serie di immagini stereotipate del rapporto tra turisti tedeschi e italiani: “Vi venivamo a trovare con il maggiolino, sulla Riviera, a Rimini, poi a Capri, Venezia e in Toscana. Cercavamo il mare azzurro e il profumo dei limoni, canticchiando Umberto Tozzi e Paolo Conte, ‘Un gelato al limon’”.

“Volevamo sempre essere un po’ come voi. Con la vostra rilassatezza, la vostra bellezza, la vostra passione. Volevamo saper cucinare la pasta come voi, bere Campari come voi, amare come voi. La dolce vita. Per questo vi abbiamo sempre invidiato”, aggiunge il quotidiano, “ora vi vediamo lottare. Vi vediamo soffrire. Anche da noi, la situazione non è facile, ma da voi è mille volte più difficile. Infermiere sfinite che dormono su una sedia. Medici che devono decidere chi può sopravvivere e chi deve morire”.

“Siete sempre nei nostri pensieri”, conclude la Bild. “Ce la farete. Perché siete forti. La forza dell’Italia è donare l’amore agli altri. Ciò vi aiuterà a uscire da questa crisi. Ciao, Italia. Ci rivedremo presto. A bere un caffè, o un bicchiere di vino rosso. In vacanza oppure in pizzeria”.

La pagina è stata definita “ipocrita e pelosa” da Paolo Valentino, corrispondente da Berlino, sul Corriere della Sera, che parla di “una vergognosa manifestazione di egoismo”. “L’ennesima dimostrazione che la «Bild» e l’europeismo stanno ai poli opposti. (…) Di queste manifestazioni di affetto facciamo volentieri a meno”.

La presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen, oggi ha chiesto scusa all’Italia per la scarsa solidarietà dimostrata da alcuni paesi europei nei primi  giorni dell’emergenza Coronavirus. Von der Leyen ha parlato di “comportamento dannoso” e sottolineato come ora le cose siano cambiate, annunciando un cambio di passo da parte dell’Ue, che si tradurrà in primis nel progetto Sure, una cassa integrazione europea per aiutare lavoratori e imprese in una fase difficile e dare un contributo alle finanze pubbliche dei singoli stati.

Alcuni politici italiani, in primis Carlo Calenda, nei giorni scorsi avevano scritto una lettera alla Germania, acquistando una pagina sul quotidiano tedesco FAZ, per chiedere maggiore solidarietà al paese nei confronti dell’Italia, colpita dall’emergenza Coronavirus.

Leggi anche: 1. Calenda lancia un appello alla Germania su un giornale tedesco: “Più solidarietà, è in gioco l’Europa” /2. L’Europa chiede scusa all’Italia. Lettera di Von der Leyen: “All’inizio poca solidarietà, ma ora cambiamo passo”

3. Von der Leyen e la svolta dell’Ue: “Cassa integrazione europea, nessuno perderà il lavoro” /4. “La BCE fa la cosa giusta, il MES ora va utilizzato, i Coronabond sono impraticabili”: a TPI parla Bini Smaghi

351
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.