Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Cina e Vaticano hanno firmato uno storico accordo per la nomina dei vescovi

Immagine di copertina
Una Madonna col bambino in versione cinese in una chiesa della provincia di Henan. Credit: AFP PHOTO / PAK YIU

Pechino non ha rapporti diplomatici con la Santa Sede dal 1951

Il Vaticano e la Repubblica popolare cinese hanno siglato un accordo provvisorio sulla nomina dei vescovi in Cina.

L’intesa è stata firmata sabato 22 settembre 2018 a Pechino, in una riunione tra monsignor Antoine Camilleri, sottosegretario per i Rapporti della Santa Sede con gli Stati, e Wang Chao, viceministro degli Esteri della Repubblica popolare, rispettivamente capi delle delegazioni vaticana e cinese.

Si tratta di una svolta storica. Vaticano e Cina non hanno rapporti diplomatici dal 1951, quando la Santa Sede riconobbe lo Stato di Taiwan.

Il governo di Pechino non riconosce il Papa come guida spirituale e capo della Chiesa cattolica.

La firma è stata annunciata con una nota diffusa dalla Santa Sede.

L’accordo, si legge nel comunicato, è “frutto di un graduale e reciproco avvicinamento, dopo un lungo percorso di ponderata trattativa”.

Si spiega anche che l’intesa “prevede valutazioni periodiche circa la sua attuazione”.

“Questa non è la fine di un processo, è l’inizio”, ha sottolineato il direttore della Sala Stampa della Santa Sede, lo statunitense Greg Burke.

“Si è trattato di dialogo, ascolto paziente da entrambe le parti anche quando le persone provengono da punti di vista molto diversi”, ha aggiunto Burke. “L’obiettivo dell’accordo non è politico ma pastorale, permettendo ai fedeli di avere vescovi che sono in comunione con Roma ma allo stesso tempo riconosciuti dalle autorità cinesi”.

Nella nota diffusa dal Vaticano si evidenzia che la nomina dei vescovi riguarda una “questione di grande rilievo per la vita della Chiesa e crea le condizioni per una più ampia collaborazione a livello bilaterale”.

“È auspicio condiviso che tale intesa favorisca un fecondo e lungimirante percorso di dialogo istituzionale e contribuisca positivamente alla vita della Chiesa cattolica in Cina, al bene del Popolo cinese e alla pace nel mondo”, si legge ancora nel comunicato.

In Cina si stima vivano circa 10 milioni di fedeli cattolici: l’unica istituzione cattolica riconosciuta è l’Associazione patriottica cattolica cinese.

Nell’accordo provvisorio, il Vaticano e la Repubblica popolare hanno concordato, per la nomina dei vescovi, da un lato che l’Associazione patriottica sia coinvolta nella designazione dei candidati, e dall’altro che la decisione finale spetti comunque al Papa.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Esteri / Bradley Cooper minacciato nella metropolitana di New York: “Aggredito con un coltello”
Esteri / AIRL, a Roma il Gala dell’amicizia italo-libica: “Che sia l’inizio di una nuova vita, di una stretta collaborazione”
Esteri / Variante, nel Regno Unito torna l’obbligo di mascherina nei luoghi e sui mezzi pubblici
Esteri / Austria, morto di Covid l’esponente No Vax Biacsics: aveva tentato di curarsi con clisteri di candeggina
Esteri / Usa, sparatoria in una scuola del Michigan: 15enne apre il fuoco sui compagni. Morti 3 studenti
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda