Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:21
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Cina e Russia hanno iniziato un’esercitazione navale congiunta vicino la Corea del Nord

Immagine di copertina
Il leader nordcoreano Kim Jong-Un. Credit: Reuters

Si tratta della seconda parte delle esercitazioni avviate lo scorso luglio nel mar Baltico. Pechino e Mosca hanno chiesto più volte una soluzione diplomatica per la crisi nordcoreana

Pechino e Mosca hanno dato inizio lunedì 18 settembre alle esercitazioni navali congiunte vicino la Corea del Nord, fortemente isolata a causa dei test missilistici per i quali è stata sanzionata dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Le esercitazioni si svolgono durante la settimana in cui si sta svolgendo l’incontro dell’Assemblea generale dell’Onu e a pochi giorni di distanza dal secondo lancio di un missile balistico che ha sorvolato il Giappone, provocando dure reazioni dalla comunità internazionale.

L’agenzia di stato cinese Xinhua ha detto che le esercitazioni congiunte avverranno tra il Golfo di Pietro il Grande, poco distante dal porto orientale russo di Vladivostok, e nella parte meridionale del mare di Okhotsk, al nord del Giappone, secondo quanto riporta l’agenzia Reuters.

Quelle iniziate il 18 settembre sono la seconda parte delle esercitazioni navali di Russia e Cina. La prima parte è avvenuta nel mar Baltico a luglio. Lo svolgimento di queste esercitazioni non è direttamente collegato all’aumento delle tensioni tra le Nazioni Unite e Pyongyang.

Cina e Russia, infatti, sono i due principali alleati della Corea del Nord e hanno chiesto ripetutamente di risolvere la questione attraverso strumenti diplomatici. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha promesso “fuoco e furia” se Pyongyang non cesserà le sue minacce.

Era già successo lo scorso 29 agosto che un missile della Corea del Nord sorvolasse il Giappone. Lunedì 11 settembre il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato all’unanimità  una risoluzione che impone nuove sanzioni economiche alla Corea del Nord dopo il suo ultimo test nucleare.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari