Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 07:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

A 71 anni fa ogni giorno 10 Km a piedi per aiutare gli sfollati del Ciclone Idai: l’incredibile storia di Dilon

Immagine di copertina

Decine di chilometri a piedi, per aiutare gli altri. Un atto disinteressato di una donna di 71 anni, che ha attirato l’attenzione dell’uomo più ricco dello Zimbabwe.

La donna porta indumenti e oggetti per la casa per i sopravvissuti al ciclone Idai, ciclone tropicale che ha colpito l’Africa meridionale a metà marzo. La tempesta ha causato danni in più nazioni, provocando oltre 400 morti e centinaia di dispersi. Idai ha origine da una depressione tropicale formatasi al largo della costa orientale del Mozambico il 4 marzo 2019.

Plaxedes Dilon, questo il nome della benefattrice, ormai è conosciuta nello Zimbabwe e viene elogiata per la sua tenacia. La chiesa davanti alla quale passa ogni giorno ha pubblicato una foto di Dilon con un sacco in equilibrio sulla sua testa e ha notato che non poteva permettersi un passaggio dal suo quartiere, a circa sei miglia di distanza.

Anche l’uomo più ricco dello Zimbabwe, Strive Masiyiwa, si è accorto di lei e ha promesso di costruire a Dilon una casa dove vuole nel paese. L’esecutivo delle telecomunicazioni le ha anche promesso uno stipendio di mille dollari al mese.

“Quello che ha fatto è uno dei più notevoli atti di compassione che abbia mai visto!” ha scritto Masiyiwa.

C’è stata un’ondata di aiuti e aiuti da parte di paesi e organizzazioni di soccorso in tutto il mondo per le vittime Idai in Zimbabwe, Malawi e Mozambico, dove si stima che più di 750 persone siano state uccise dal ciclone.

La tempesta di categoria 2 ha fatto il suo sbarco dopo la mezzanotte del 15 marzo a Beira, una città portuale in Mozambico, e villaggi sommersi mentre si dirigeva verso l’interno, verso lo Zimbabwe e il Malawi.

In queste condizioni di emergenza, anche un piccolo aiuto come quello di Dilon diventa un grande gesto.

> I 700 morti ignorati da tutti: quelli del ciclone Idai che ha colpito Malawi, Mozambico e Zimbabwe

Ti potrebbe interessare
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Ti potrebbe interessare
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce
Esteri / Incendio in un grattacielo a Taiwan, almeno 46 morti
Esteri / Libano, violenti scontri a Beirut: almeno 5 morti e 30 feriti
Esteri / Il direttore dell'Oms: "Non esclusa l'ipotesi della fuoriuscita dal laboratorio"