Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Una pornostar e un rapper si vogliono candidare alla Casa Bianca nel 2020

Immagine di copertina

Lei si chiama Cherie DeVille, ha 39 anni e di mestiere fa la pornostar. Lui è Coolio, un rapper noto soprattutto per la canzone Gangsta’s Paradise. Nel novembre 2017 hanno deciso di concorrere per la presidenza degli Stati Uniti, lei come presidente e lui come vice.

L’idea è in piedi da un po’ di tempo, e già nell’agosto 2017 Cherie DeVille e Coolio, insieme al wrestler Virgil e a diverse attrici pornografiche, avevano realizzato un video in cui veniva lanciata l’idea.

L’attrice ha dichiarato di aver iniziato a pensare alla cosa dopo la vittoria di Donald Trump alle elezioni del novembre 2016. “Quando si era candidato presidente pensavo stesse scherzando” ha detto Cherie DeVille riguardo Donald Trump “e pensavo le persone al momento del voto avrebbero fatto la cosa giusta non votandolo”.

Tuttavia, come noto le cose non sono andate come l’attrice avrebbe sperato. “Mi sono accorta che gli elettori sono più interessati alla celebrità rispetto alle idee di una persona”, ha aggiunto.

Da qui ha maturato l’idea di candidarsi alla casa bianca. Cherie DeVille non ha alcuna esperienza politica, ma le sue idee possono essere definite libertarie. Ha dichiarato di non essere una narcisista ma di volersi affidare al parere di alcuni esperti e di voler ascoltare le persone per poter guidare il paese.

Intanto sono già noti i nomi di alcuni possibili membri della sua squadra di governo. Il suo vice sarebbe, come abbiamo detto, il rapper Coolio, mentre il wrestler Virgil sarebbe il capo della sicurezza e la portavoce la pornostar Alix Lynx.

Al momento Cherie DeVille non ha ancora iniziato l’iter per presentare ufficialmente la propria candidatura, aspettando un momento mediatamente favorevole. Negli Stati Uniti, infatti, per i partiti al di fuori di democratici e repubblicani non è sempre facile presentarsi alle elezioni in maniera capillare, e le regole per farlo sono diverse di stato in stato.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)
Esteri / Marina Usa fa esplodere ordigno da 18mila chili in mare. Lo spettacolare video
Esteri / Francia, la destra moderata vince il primo turno delle regionali. Deludono Le Pen e Macron