Me

Secondo giorno di proteste in Catalogna: 51 arresti e 200 feriti

In Catalogna ci sono stati 51 arresti a seguito delle proteste. 125 manifestanti e 75 agenti sono rimasti feriti

Di Alice Possidente
Pubblicato il 16 Ott. 2019 alle 16:48
Immagine di copertina

Sono 51 le persone arrestate per le proteste e gli scontri avvenuti in Catalogna dopo le condanne di 12 leader indipendentisti catalani, sancita lunedì 14 ottobre 2019 dalla Corte Suprema di Spagna. Nelle tensioni si sono registrati anche circa 200 feriti.

Secondo quanto riferisce il quotidiano spagnolo El Pais, sono stati 125 i manifestanti che hanno dovuto far ricorso a cure mediche. Diciotto persone – precisa l’agenzia di stampa spagnola Efe – sono state trasportate in ospedale. Nessuna di loro è in condizioni critiche. Negli incidenti sono rimasti feriti anche 75 poliziotti: 57 agenti della forza autonoma e altri 18 della polizia nazionale.

Secondo la vigilanza urbana, alle proteste di Barcellona avrebbero partecipato circa 40mila persone. Dal capoluogo della Catalogna le proteste si sono estese anche alle città di Girona, Tarragona, Lleida e Sabadell.

Il governo ha denunciato l’azione di “gruppi violenti organizzati”. L’azione, secondo la polizia, sarebbe stata pianificata in un incontro con Quim Torra, presidente della Generalitat, a Ginevra.

Spagna, condanne da 9 a 13 anni per i leader indipendentisti della Catalogna

Condanne leader catalani, la rivolta in aeroporto a Barcellona: i manifestanti cantano “Bella ciao”