Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il capo ad interim dell’Fbi contraddice Trump riguardo al licenziamento di Comey

Immagine di copertina

Andrew McCabe ha negato l'esistenza di agitazione all'interno dell'agenzia per l'ex direttore del bureau rimosso dal presidente

Il capo ad interim dell’Fbi Andrew McCabe contraddice le affermazioni del presidente Donald Trump che in un’intervista all’Nbc aveva parlato di agitazione all’interno dell’agenzia nei confronti dell’ex direttore James Comey prima del suo licenziamento.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

“Non abbiamo mai perso fiducia in James Comey che continuava ad avere un ampio sostegno”, ha detto McCabe davanti alla commissione intelligence del Senato statunitense mettendo in dubbio le motivazioni proposte da Trump per giustificare la rimozione di Comey avvenuta il 10 maggio.

L’ex direttore del bureau era impegnato nelle indagini sul cosiddetto Russiagate, i presunti rapporti tra Trump e il governo russo durante la campagna elettorale del 2016. Il New York Times aveva riferito che Comey aveva chiesto maggiori risorse economiche per continuare l’inchiesta. 

Sulla vicenda Russiagate il Senato degli Stati Uniti ha convocato anche l’ex consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn che aveva rifiutato di collaborare all’indagine e si era dimesso dal suo incarico dopo voci insistenti su suoi contatti con funzionari di Mosca.

Donald Trump ha però precisato che la decisione di licenziare Comey sarebbe stata presa da lui in maniera autonoma sulla base della situazione del bureau e ha negato di essere sotto indagine per la sua collaborazione con i russi. 

Intanto, il viceministro della Giustizia statunitense Gerald Rod Rosenstein, ha minacciato le dimissioni per le voci insistenti su presunte pressioni che avrebbe esercitato per arrivare alla rimozione di Comey dal suo incarico. Rosenstein era stato convocato da Trump insieme a Jeff Sessions per elaborare una strategia in relazione alla figura di Comey. Secondo il vice ministro, però, la decisione del licenziamento era già stata presa da Trump. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto
Esteri / L’Iran elegge il nuovo presidente: conservatori pronti a tornare al potere
Ti potrebbe interessare
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto
Esteri / L’Iran elegge il nuovo presidente: conservatori pronti a tornare al potere
Esteri / Usa, il concerto di Bruce Springsteen è vietato a chi si è vaccinato con AstraZeneca
Esteri / Juneteenth, il giorno per ricordare la fine della schiavitù dei neri, diventa festa federale negli Usa
Esteri / Israele presta ai palestinesi oltre un milione di vaccini Pfizer in scadenza
Esteri / Schiavitù infantile, Corte Suprema Usa blocca causa contro i giganti del cioccolato
Esteri / La variante Delta spaventa il Regno Unito: mai così tanti casi da febbraio
Esteri / Chi è Lina Khan, la nuova dirigente dell'Antitrust americano che fa tremare le Big Tech
Esteri / Covid, la Cina risponde alle accuse: “Gli scienziati di Wuhan meritano il premio Nobel”