Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il capo ad interim dell’Fbi contraddice Trump riguardo al licenziamento di Comey

Immagine di copertina

Andrew McCabe ha negato l'esistenza di agitazione all'interno dell'agenzia per l'ex direttore del bureau rimosso dal presidente

Il capo ad interim dell’Fbi Andrew McCabe contraddice le affermazioni del presidente Donald Trump che in un’intervista all’Nbc aveva parlato di agitazione all’interno dell’agenzia nei confronti dell’ex direttore James Comey prima del suo licenziamento.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

“Non abbiamo mai perso fiducia in James Comey che continuava ad avere un ampio sostegno”, ha detto McCabe davanti alla commissione intelligence del Senato statunitense mettendo in dubbio le motivazioni proposte da Trump per giustificare la rimozione di Comey avvenuta il 10 maggio.

L’ex direttore del bureau era impegnato nelle indagini sul cosiddetto Russiagate, i presunti rapporti tra Trump e il governo russo durante la campagna elettorale del 2016. Il New York Times aveva riferito che Comey aveva chiesto maggiori risorse economiche per continuare l’inchiesta. 

Sulla vicenda Russiagate il Senato degli Stati Uniti ha convocato anche l’ex consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn che aveva rifiutato di collaborare all’indagine e si era dimesso dal suo incarico dopo voci insistenti su suoi contatti con funzionari di Mosca.

Donald Trump ha però precisato che la decisione di licenziare Comey sarebbe stata presa da lui in maniera autonoma sulla base della situazione del bureau e ha negato di essere sotto indagine per la sua collaborazione con i russi. 

Intanto, il viceministro della Giustizia statunitense Gerald Rod Rosenstein, ha minacciato le dimissioni per le voci insistenti su presunte pressioni che avrebbe esercitato per arrivare alla rimozione di Comey dal suo incarico. Rosenstein era stato convocato da Trump insieme a Jeff Sessions per elaborare una strategia in relazione alla figura di Comey. Secondo il vice ministro, però, la decisione del licenziamento era già stata presa da Trump. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Etiopia, in Tigray due milioni di persone senza cibo: “Andiamo a dormire sperando di non morire”
Esteri / Orbán presto in Russia per vedere Putin: chiederà più gas verso l’Ungheria
Esteri / Honduras, Xiomara Castro è la prima presidente donna del paese
Ti potrebbe interessare
Esteri / Etiopia, in Tigray due milioni di persone senza cibo: “Andiamo a dormire sperando di non morire”
Esteri / Orbán presto in Russia per vedere Putin: chiederà più gas verso l’Ungheria
Esteri / Honduras, Xiomara Castro è la prima presidente donna del paese
Esteri / Pakistan, 14enne si spara accidentalmente e muore mentre gira video su TikTok
Esteri / Polonia, donna incinta muore dopo aver portato in grembo un feto morto per 7 giorni
Esteri / Ucraina, tensione ancora alta: ambasciatore Usa consegna la risposta scritta alle garanzie chieste da Mosca
Esteri / Usa, 23enne trovata morta dopo un appuntamento su un’app di incontri: si indaga per omicidio
Esteri / Francia, il Parlamento approva: “Vietate le ‘terapie di conversione’ usate per ‘guarire’ l’omosessualità”
Esteri / “La Cina ha realizzato una app per spiare gli atleti alle Olimpiadi di Pechino”: l’accusa
Esteri / Crisi Russia-Ucraina, venti di guerra soffiano alle porte dell’Europa: cosa sta succedendo