Covid ultime 24h
casi +19.143
deceduti +91
tamponi +182.032
terapie intensive +57

Secondo uno studio canadese la cannabis aiuta a prevenire il Coronavirus

La ricerca è ancora in fase di pre-pubblicazione, ma ha fornito, secondo gli esperti che vi hanno lavorato, ottime indicazioni per il futuro

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 22 Mag. 2020 alle 16:13 Aggiornato il 22 Mag. 2020 alle 16:54
604
Immagine di copertina

Secondo uno studio canadese la cannabis aiuta a prevenire il Coronavirus

La cannabis aiuta a prevenire il Coronavirus? È quanto sostiene un’università canadese, che ha condotto uno studio sull’argomento. La ricerca, che è ancora in fase di pre-pubblicazione e che dunque deve essere approvata a livello scientifico, è stata condotta da un team di esperti dell’università di Lethbridge. Attraverso il loro studio, i ricercatori avrebbero scoperto che vi sono almeno 13 tipi di piante di estratti di cannabis, che potrebbero prevenire l’infezione del Covid-19. La ricerca, infatti, è stata condotta su estratti di Cannabis sativa medica ad alto contenuto di cannabidiolo (Cbd) e a basso contenuto di Thc. I ricercatori hanno testato questi estratti su modelli 3d di tessuti umani, osservando una riduzione dei livelli di Ace2 e di Tmprss2, le proteine che il Covid-19 utilizza per entrare nell’organismo. Secondo i ricercatori, dunque, vi sarebbero le prime evidenze che il Cbd è in grado di limitare le “porte di accesso” del virus.

Coronavirus, bambina di 10 anni inventa la “Porta degli abbracci” per stringere i nonni

Gli stessi ricercatori sottolineano che lo studio necessita di ulteriori ricerche, ma che getta le basi per una “futura analisi degli effetti della cannabis medica su Covid-19”. “Gli estratti di Cannabis sativa ad alto contenuto di Cbd – rivela uno dei ricercatori – possono diventare un’aggiunta utile e sicura al trattamento dell’infezione, come terapia di supporto”. Secondo uno degli studiosi, infatti, la ricerca potrebbe anche portare a “sviluppare trattamenti preventivi di facile utilizzo sotto forma di prodotti per i gargarismi e colluttori”. In conclusione, vale ancora la pena di sottolineare, a scanso di equivoci, che tutti i gli studi sono stati effettuati sulla cannabis medica, non sulla marijuana a uso ricreativo, il cui utilizzo, così come sottolineato dal National Institutes of Health è ovviamente dannoso per il sistema respiratorio.

Leggi anche: 1. Coronavirus: sindaco peruviano viola il lockdown per ubriacarsi con gli amici, poi si nasconde in una bara fingendosi morto / 2. Clementi a TPI: “Il virus non è più aggressivo, è un dato di fatto. Ma certi altri virologi ragionano con gli algoritmi” / 3. La classifica dei Paesi che hanno fatto più tamponi: non mancano le sorprese

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

604
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.