Me
HomeEsteri

A Pechino sono stati “arruolati” sei cani poliziotto clonati

Di Alice Possidente
Pubblicato il 21 Nov. 2019 alle 15:58
Immagine di copertina
Immagine generica

Cina, a Pechino sono stati “arruolati” sei cani poliziotto clonati

La polizia cinese ha “arruolato” sei cuccioli di cane. Ma non sono cuccioli qualsiasi. Si tratta di cani clonati.

Ieri, mercoledì 20 novembre 2019, la polizia di Pechino ha accolto le piccole reclute con una cerimonia che si è tenuta alla Base cinofila della polizia all’Ufficio Municipale di Pubblica Sicurezza della capitale cinese.

Durante l’evento, gli addestratori hanno apposto ai nuovi sei poliziotti a quattro zampe distintivi, collari colorati e uniformi, segnando così il loro ingresso ufficiale nella forza di polizia.

Ma Jinlei, un agente specializzato nelle tecniche di addestramento per i cani, ha detto che negli ultimi anni il corpo di polizia si è impegnato molto a cercare di trovare un modo per non perdere i geni dei cani poliziotto considerati eccellenti.

All’inizio del 2019, la base di polizia ha iniziato a collaborare con le aziende specializzate per far nascere i sei cani clonati partendo da campioni di pelle di altri due cani poliziotto. I sei ultimi arrivati sono nati ad agosto, quattro dalla stessa cucciolata, e il loro Dna è per oltre il 99 percento uguale a quello dei cani donatori.

Ma Jinlei ha detto che i cani clonati, pur avendo solo quattro mesi, hanno già mostrato le stesse capacità dei cani non clonati di età pari ai sei mesi in termini di memoria, coraggio e aggressività.

La base effettuerà una rigorosa formazione e un attento monitoraggio dei sei cani clonati e continuerà a lavorare con le aziende nella ricerca sulla clonazione di cani poliziotto e si impegnerà nell’istituzione di una banca cellulare per cani, allo scopo di preservare e utilizzare pienamente i cani della polizia migliori.

Leggi anche:

Poliziotti cinesi per le strade d’Italia per pattugliamento congiunto

Barbara Streisand fa clonare il cane morto: la foto inquietante dei cuccioli sopra la tomba della “mamma”