Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Le viene diagnosticato un cancro al cervello e il fidanzato la lascia a una settimana dal matrimonio

Immagine di copertina
Emily Nicholson. credit: Facebook

Emily prima della malattia faceva la modella, Jamie, il suo fidanzato storico, l'ha lasciata con un messaggio su Facebook. La sua storia ha commosso il mondo

Ha 24 anni ed è ancora bellissima, nonostante la malattia abbia cercato di sfigurarla. La storia di Emily Nicholson ha fatto il giro del mondo, da quando la ragazza ha deciso di raccontare la durezza degli ultimi tre anni: la lotta contro un cancro che la stava uccidendo e l’amore della sua vita che si è rivelato il suo peggior incubo.

Tutto è iniziato quando nel pieno della sua giovinezza, ad appena 21 anni, Emily ha scoperto di avere un cancro. I medici nel febbraio del 2016 le hanno diagnosticato un astrocitoma, un tumore al cervello che non le avrebbe lasciato scampo. La rabbia per un destino così ingiusto, però, era mitigata dalla presenza del suo fidanzato storico.

Emily e Jamie Smith si erano scelti tanto tempo fa e si erano promessi amore eterno. Avevano anche deciso di sposarsi, poi la tegola del cancro e la scelta di posticipare le nozze. La vita di Emily prima della malattia era tutto ciò che una giovane bellissima potesse desiderare: l’allora 21enne faceva la modella, la sua bellezza incredibile l’aveva destinata alle passerelle e il suo futuro si prospettava più che roseo.

Quando nel 2016 Emily scopre il cancro, inizia immediatamente le terapie. Mentre la sua salute migliorava, il suo corpo iniziava a cedere sotto i colpi pesanti delle cure. Ai continui interventi chirurgici si sommavano quei 30 chili che la giovane donna aveva preso a causa della malattia.

Mentre Emily lottava strenuamente contro il cancro, il suo fidanzato decideva di lasciarla. Proprio nel momento più delicato della sua vita e a un passo dal matrimonio. Nonostante la malattia, infatti, i due avevano deciso di fare il grande passo e dirsi sì per sempre. Le nozze fissate per l’agosto del 2016 erano state posticipate a causa di un intervento cui la giovane doveva essere sottoposta. Nel frattempo la coppia aveva anche pensato di congelare gli ovuli di Emily: una volta passato l’incubo del cancro, i due avrebbero potuto avere così un bambino.

Tutto era pronto per marzo 2017: l’abito bianco, il ricevimento, le damigelle. Emily non si aspettava di ricevere quel messaggio che avrebbe fatto sprofondare la sua vita: “Non ti amo più da tempo”. Jamie le spezzava il cuore e mandava in frantumi la sua vita già difficile.

Il ragazzo, vigliacco, non aveva avuto nemmeno il coraggio di dirglielo in faccia: tramite Facebook, Jamie aveva deciso di lasciare Emily, a una settimana dal matrimonio e nel pieno della sua lotta contro la malattia.

È stato orrendo. In poche parole mi ha detto che in realtà non mi amava. E io ho capito subito che il motivo era il mio cambiamento fisico, la mia malattia. Ora non provo più nulla per lui, mi fa male quello che è successo, ma ormai  non ha più senso arrabbiarsi per questo. Mi diceva di amarmi, che voleva costruire qualcosa con me nel poco tempo che ci era stato concesso: poi, però, quando mi sono ammalata e sono ingrassata non gli sono piaciuta più. Mi dicono che sono stata molto forte nell’affrontare tutto questo: ma che alternative avevo? Nessuna. Dovevo essere forte e andare avanti”, ha riferito la 24enne ai tabloid inglesi.

“Emily stava bene, aveva la sua casa e un buon lavoro, era vivace, amante del divertimento e un po’ selvaggia”, ha detto la madre della giovane. “È sempre stata una grande lavoratrice, stava sbocciando, amava la vita. Poi ha cominciato ad avere crisi epilettiche, ma pensavamo solo che fosse stress perché lavorava molto. Quando i medici ci hanno dato la diagnosi, il mondo ci è crollato addosso. Per quanto riguarda Jamie posso dire che era adorabile, gentile. Non riesco a odiarlo: la situazione che si è creata è stata troppo forte per lui, semplicemente non ha retto”, ha continuato la donna.

Emily vive nel Regno Unito insieme alla sua famiglia e resiste alla malattia, nonostante le prospettive di vita ipotizzate dai medici fossero molto negative. Ma la 24enne non si dà per vinta. Ha anche aperto una pagina GoFundMe per finanziare un vaccino ancora in via di sperimentazione che le costerebbe 30mila sterline. Jamie non c’è più nella sua vita, ma è circondata dall’affetto dei suoi cari e di tutte le persone che, conoscendo la sua storia, hanno deciso di starle vicino.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Esteri / Bradley Cooper minacciato nella metropolitana di New York: “Aggredito con un coltello”
Esteri / AIRL, a Roma il Gala dell’amicizia italo-libica: “Che sia l’inizio di una nuova vita, di una stretta collaborazione”
Esteri / Variante, nel Regno Unito torna l’obbligo di mascherina nei luoghi e sui mezzi pubblici
Esteri / Austria, morto di Covid l’esponente No Vax Biacsics: aveva tentato di curarsi con clisteri di candeggina
Esteri / Usa, sparatoria in una scuola del Michigan: 15enne apre il fuoco sui compagni. Morti 3 studenti
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda