Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 13:12
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il Canada vuole accogliere i rifugiati respinti da Trump

Immagine di copertina

Dopo il decreto del presidente americano, il primo ministro canadese Justin Trudeau ha inviato un messaggio ai profughi siriani assicurando loro una giusta accoglienza

Il decreto sui rifugiati firmato da Donald Trump lo scorso venerdì 27 gennaio sta generando i suoi effetti e scatenando innumerevoli reazioni. Non si è fatta attendere quella del primo ministro canadese, Justin Trudeau, che in un tweet pubblicato sabato 28 gennaio ha voluto lanciare un chiaro messaggio ai rifugiati colpiti dal decreto del presidente americano Donald Trump, assicurando loro una giusta accoglienza in Canada. 

Trudeau non ha mai fatto mistero circa la sua sensibilità sui temi legati all’immigrazione e all’accoglienza dei rifugiati. Nel dicembre del 2015, il primo ministro si era recato di persona all’aeroporto internazionale Pearson di Toronto per accogliere e salutare i primi 163 rifugiati arrivati nel paese. 

In quell’occasione, il governo di Trudeau aveva annunciato di impegnarsi a ricollocare 25mila rifugiati siriani in Canada entro la fine di febbraio. 

Nel tweet diffuso da Trudeau sabato si legge il seguente messaggio: “A tutti coloro che scappano dalle persecuzioni, dal terrore e dalla guerra, il Canada vi darà il benvenuto, indipendentemente dalla vostra fede. La diversità è la nostra forza”. #WelcomeToCanada

Sulla pagina Facebook, il primo ministro ha ribadito la sua posizione accompagnandola con una sua foto che lo ritrae mentre accoglie e saluta una bambina siriana all’aeroporto di Toronto. 

Dalla sua elezione a oggi, il numero dei profughi siriani accolti nel paese si è attestato a 39mila. 

Dopo la pubblicazione del tweet, la portavoce di Trudeau, Kate Purchase, ha precisato che il primo ministro ha voluto esprimere una sua riflessione astenendosi dal criticare Trump, per evitare di offendere il nuovo presidente.

“Inoltre, il primo ministro attende il momento in cui incontrerà il neo presidente americano per discutere con lui dei successi ottenuti con una politica distensiva applicata al tema dell’immigrazione e dei rifugiati in Canada”, ha precisato Kate Purchase la quale ha sottolineato di non avere dettagli su quando i due si incontreranno. “Ma sarà molto presto”, ha ribadito. 

— LEGGI ANCHE: Cosa prevede in pratica il divieto contro immigrati e musulmani voluto da Trump

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / New York vuole offrire il vaccino Johnson&Johnson a tutti i turisti
Esteri / La città giapponese che ha speso i soldi del Recovery per costruire la statua di un calamaro gigante
Esteri / In Colombia la polizia spara su studenti e operai: oltre 30 morti e 800 arresti
Ti potrebbe interessare
Esteri / New York vuole offrire il vaccino Johnson&Johnson a tutti i turisti
Esteri / La città giapponese che ha speso i soldi del Recovery per costruire la statua di un calamaro gigante
Esteri / In Colombia la polizia spara su studenti e operai: oltre 30 morti e 800 arresti
Esteri / Sospensione brevetti vaccini, Ue spaccata: Italia e Francia a favore, Germania contro
Esteri / La guerra della pesca: cosa sta succedendo nella Manica tra Francia e Regno Unito
Esteri / Donna scomparsa ritrovata in un canyon: è sopravvissuta 5 mesi mangiando erba e muschio
Esteri / L’ascesa della lady di ferro di Madrid che ha stravinto le elezioni tenendo aperti i ristoranti
Esteri / Usa, giustiziato per omicidio: 4 anni dopo test scoprono DNA di un altro
Esteri / Francia e Regno Unito inviano navi da guerra nella Manica: alta tensione sulla pesca
Esteri / Un agricoltore ha spostato per sbaglio il confine tra Francia e Belgio