Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:40
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Usa, la Camera boccia la dichiarazione dello stato d’emergenza per la costruzione del muro con il Messico

Immagine di copertina

Adesso si attende il voto del Senato, a maggioranza repubblicana

La Camera degli Stati Uniti ha revocato lo stato di emergenza nazionale dichiarato dal presidente Trump alla frontiera per ottenere i fondi necessari per costruire il muro con il Messico.

A votare contro la dichiarazione del presidente non sono stati solo i dem, ma anche 13 repubblicani arrivati ai ferri corti con il leader del loro partito. La mozione infatti è stata approvata con 245 sì contro 182 no.

La preoccupazione maggiore dei deputati Repubblicani è che si crei un precedente che possa poi essere utilizzato da un futuro presidente Democratico. Se infatti Trump usasse lo stato di emergenza nazionale per ottenere i fondi per il muro, un giorno lo stesso potrebbe fare un dem per aggirare il voto contrario dei Repubblicani su altre proposte di legge.

Adesso si attende il voto del Senato, dove il risultato è meno scontato dato che la maggioranza dei senatori appartiene al partito Repubblicano.

Il Congresso sta cercando di far valere le proprie prerogative costituzionali in tema di legge di bilancio per presentare lo stato di emergenza come un abuso del potere esecutivo.

Tuttavia il presidente Trump potrebbe aggirare il voto della Camera e del Senato per bloccare la dichiarazione di emergenza ricorrendo al suo potere di veto per bloccare la risoluzione delle camere.

Intanto 16 governatori democratici hanno presentato ricorsi alla magistratura contro la dichiarazione d’emergenza di Trump e la stessa decisione potrebbe essere presa dai Repubblicani.

In uno dei ricorsi presentati ai giudici si legge che “il presidente ha usato il pretesto di una crisi fabbricata per dichiarare un’emergenza nazionale”, come già successe con il bando per i viaggiatori provenienti da determinati paesi a maggioranza musulmana.

“Non daremo a nessun presidente, democratico o repubblicano, carta bianca per stracciare la Costituzione degli Stati Uniti”, è stato il commento della speaker della Camera, Nancy Pelosi.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Vertice tra Biden e Draghi al G7: "Europeismo e atlantismo nostri pilastri
Esteri / Sorelline rapite dal padre: ritrovato in fondo al mare il corpo di Olivia. Si cerca l'altra bambina
Esteri / Cameraman corre più veloce di tutti gli atleti e vince i 100 metri: il video è virale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Vertice tra Biden e Draghi al G7: "Europeismo e atlantismo nostri pilastri
Esteri / Sorelline rapite dal padre: ritrovato in fondo al mare il corpo di Olivia. Si cerca l'altra bambina
Esteri / Cameraman corre più veloce di tutti gli atleti e vince i 100 metri: il video è virale
Esteri / La balena inghiottisce il pescatore: l’uomo si salva per un colpo di tosse
Esteri / La morte di George Floyd e la pandemia da Covid-19: le storie che hanno vinto i premi Pulitzer del 2021
Esteri / L’Iran espelle una suora italiana
Esteri / Tensione fra Italia ed Emirati Arabi: a rischio la base strategica in Medio Oriente
Esteri / Perù: procuratore chiede l’arresto di Keiko Fujimori, candidata della destra alle recenti elezioni
Esteri / Putin protesta, l'Uefa ordina all'Ucraina di cambiare la maglia "politica"
Esteri / Usa, una canna di marijuana gratis a chi si fa il vaccino anti-Covid