Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:20
Pirelli Summer Promo
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Cambridge Analytica, Facebook raccoglieva anche i dati di chiamate e sms

Immagine di copertina
Facebook ha raccolto anche i dati di chiamate e sms.

Molti utenti, che in seguito allo scandalo Cambridge Analytica hanno cancellato i loro profili Facebook, si stanno rendendo conto che il social network aveva accesso a molti più dati di quanto pensassero

Moltissimi utenti Facebook, che hanno deciso di cancellare i loro account dopo lo scandalo Cambridge Analytica, si stanno rendendo conto che il social network aveva accesso a molti più dati di quanto pensassero, compresi molti dei loro dati personali tra cui chiamate e sms.

S&D

Nello specifico, diverse persone iscritte a Facebook hanno scoperto che i loro contatti telefonici, i calendari e altre informazioni sensibili sono stati raccolti per anni da Facebook, indipendentemente dal fatto che il loro profilo fosse attivo o disattivo, violando la privacy dei dati sensibili di milioni di cittadini.

Tra l’altro qui abbiamo spiegato che esiste un modo per scaricare tutto ciò che Facebook sa di te.

Uno dei temi che sta facendo più discutere in questi giorni in seguito al caso Cambridge Analytica è proprio il fatto che, anche quando pensiamo di esserci cancellati da Facebook, in realtà abbiamo solo disattivato il nostro account per un periodo di tempo limitato.

Facebook rende la trafila deliberatamente complessa: anziché cancellare il nostro profilo, ci spinge a disattivarlo.

In questo modo, i nostri dati personali rimangono sul server del social network a discrezione di chi ne è in possesso, come ha dimostrato il caso Cambridge Analytica.

E non sono bastate le scuse del fondatore Mark Zuckerberg: Sulla scia dello scandalo Cambridge Analytica, di recente ha infatti preso piede in tutto il mondo il movimento #deletefecebook.

Moltissime persone hanno così iniziato a cancellare i loro profili (anche il fondatore di WhatsApp ha consigliato di farlo) mentre altre si sono chieste quali e quante informazioni Facebook possegga sul loro conto. Ecco come scoprirlo.

L’utente Dylan McKay, ad esempio, sostiene che Facebook abbia avuto accesso ai “metadata di tutte le chiamate che ho fatto, alla loro durata e al loro orario, così come ai messaggi che ho ricevuto e inviato” da ottobre 2016 a luglio 2017.

Un portavoce di Facebook ha spiegato che “l’upload dei contatti [telefonici] è opzionale. Gli utenti devono fornire il loro consenso e possono cancellare le informazioni che sono già state caricate in qualsiasi momento. Nella sezione ‘Le tue informazioni’ è possibile trovare tutte spiegazioni necessarie”, ha detto.

“Lo scopo della maggior parte delle app è metterti facilmente in contatto con gli altri. Quindi, la prima volta che connetti il tuo cellulare a un social network o a un’app, viene attivato l’upload dei tuoi contatti telefonici”, ha concluso il portavoce.

Facebook chiede agli utenti la possibilità di accedere e scaricare i dati personali, tra cui ad esempio le rubriche telefoniche, per una serie di ragioni: la prima riguarda il fatto che i contatti che abbiamo sul telefono potrebbero aiutarci a trovare su Facebook i nostri amici. Ad esempio, l’app di Facebook Messenger per Android richiede l’accesso a sms e chiamate per lo stesso motivo.

Facebook ha sottolineato più volte tuttavia che gli utenti possono cancellare i loro contatti già caricati in qualsiasi momento e bloccare l’ulteriore upload modificando le opzioni dall’app di Messenger.

Inoltre, la cancellazione permanente del proprio account Facebook comporta l’eliminazione delle informazioni presenti sul social network.

Secondo un sondaggio pubblicato domenica 25 marzo, la fiducia degli utenti verso Facebook è diminuita in seguito allo scandalo Cambridge Analytica.

Il fondatore del social network, Mark Zuckerberg, ha chiesto scusa per la violazione della privacy comprando un’intera pagina pubblicitaria sui più importanti giornali inglesi.

Qui abbiamo approfondito i vari aspetti sul caso Cambridge Analytica, in relazione al quale ci siamo anche chiesti se fosse arrivata l’ora di cancellarsi da Facebook. (Qui abbiamo invece elencato il modo per cancellare le app che hanno accesso ai nostri dati di Facebook).

Cambridge Analytica, l’informatore rivela: “Abbiamo lavorato in Italia”

Cambridge Analytica ha lavorato in Italia. Lo ha detto l’informatore dalle cui rivelazioni è partita l’inchiesta giornalistica che ha sollevato il caso, Christopher Wylie.

“L’unico paese europeo di cui so per certo che ha lavorato con Cambridge Analytica è l’Italia”, ha detto Wylie in un’intervista al quotidiano La Repubblica. “Ricordo vari progetti in Europa, so che hanno fatto qualcosa in Italia, anzi, l’Italia di cui so con certezza, ma non rammento per quali partiti”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Esteri / Gaza: oltre 34.260 morti dal 7 ottobre. Media: "Il direttore dello Shin Bet e il capo di Stato maggiore dell'Idf in Egitto per discutere dell'offensiva a Rafah". Hamas diffonde il video di un ostaggio. Continuano gli scambi di colpi tra Tel Aviv e Hezbollah al confine con il Libano. L'Ue chiede indagine indipendente sulle fosse comuni a Khan Younis. Biden firma la legge per fornire aiuti a Ucraina, Israele e Taiwan
Esteri / Gaza: oltre 34.180 morti. Hamas chiede un'escalation su tutti i fronti. Tel Aviv nega ogni coinvolgimento con le fosse comuni di Khan Younis. Libano, Idf: "Uccisi due comandanti di Hezbollah". Il gruppo lancia droni su due basi in Israele. Unrwa: "Impedito accesso ai convogli di cibo nel nord della Striscia"
Esteri / Gaza, caso Hind Rajab: “Uccisi anche i due paramedici inviati a salvarla”
Esteri / Suoni di donne e bambini che piangono e chiedono aiuto: ecco la nuova “tattica” di Israele per far uscire i palestinesi allo scoperto e colpirli con i droni
Esteri / Francia, colpi d'arma da fuoco contro il vincitore di "The Voice 2014": è ferito
Esteri / Gaza, al-Jazeera: "Recuperati 73 corpi da altre tre fosse comuni a Khan Younis". Oic denuncia "crimini contro l'umanità". Borrell: "Israele non attacchi Rafah: provocherebbe 1 milione di morti". Macron chiede a Netanyahu "un cessate il fuoco immediato e duraturo". Erdogan: "Evitare escalation". Usa: "Nessuna sanzione per unità Idf, solo divieto di ricevere aiuti"
Esteri / Raid di Israele su Rafah: ventidue morti tra i quali nove bambini