Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:38
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

È caduto Baghouz, l’ultimo villaggio ancora in mano allo Stato islamico

Immagine di copertina
Un combattente delle Forze siriane democratiche (SDF) a Baghouz. Credit: Delil Souleiman/ AFP

La portavoce della Casa Bianca il 22 marzo 2019 hanno annunciato la caduta di Baghouz, l’ultimo villaggio ancora in mano allo Stato islamico. “La Siria è stata liberata dallo Stato islamico”, ha annunciato Sarah Sanders.

La battaglia per la riconquista di quei pochi chilometri in cui i jihadisti erano asserragliati andava avanti da settimane, dopo che le milizie curdo-arabe erano riuscite a riprendere il controllo della roccaforte di Hajin, nella regione est di Deir el Zor.

I jihadisti dello Stato islamico hanno opposto una strenua resistenza e negli ultimi giorni si erano asserragliati lungo la sponda del fiume Eufrate. Per affrontare l’attacco delle SDF (Forze democratiche siriane), avevano minato il territorio di Baghouz e costruito tunnel e cuniculi per attaccare i combattenti di YPG e YPJ, le Unità di protezione popolare).

Proprio in un’imboscata dell’Isis ha perso la vita il combattente italiano Lorenzo Orsetti, il 33enne originario di Firenze unitosi un anno e mezzo fa alla rivoluzione della Siria del Nord.

>La morte di Lorenzo in Siria ci insegna che dobbiamo schierarci

La conquista di Baghouz corrisponde alla fine dello Stato islamico come entità politico-territoriale, ma come aveva spiegato proprio Lorenzo Orsetti in un’intervista rilasciata a TPI il 4 marzo “la guerra non è finita”.

Nonostante la sconfitta sul terreno infatti, la minaccia dell’Isis continua ad esistere. Nei campi della Siria del Nord ci sono ancora molti miliziani in attesa di essere processati e resta il problema della deradicalizzazione delle loro famiglie.

Come ha spiegato a TPI Jacopo Bindi, attivista di Torino che ha fatto parte delle strutture civili della rivoluzione nella Siria del Nord, nei territori già liberati dall’Isis “esistono ancora delle cellule dormienti pronte a compiere nuovi attentanti, soprattutto in Iraq”.

Resta quindi da capire se i governi occidentali ascolteranno o meno le richieste delle Forze democratiche siriane, che hanno proposto la creazione di tribunali di guerra in Siria per processare i miliziani dell’Isis in loco.

Nelle settimane passate il presidente americano Trump aveva invitato i governi a rimpatriare i propri foreign fighters, ma il timore è che una volta nei paesi d’origine i giudici non riescano a dimostrare i crimini da loro commessi.

>>Cosa resta della Siria dopo otto anni di guerra
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Cronaca / Russia, incidente in una miniera di carbone in Siberia: 52 morti
Esteri / Covid, la nuova variante Omicron è arrivata in Europa: primo caso rilevato in Belgio
Esteri / Dalla Germania alla Cina: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Corea del Nord: condannato a morte per aver importato una copia di Squid Game
Esteri / Le storie dei lavoratori che sfidano Amazon nel giorno del Black Friday
Cronaca / Sudafrica, rilevata nuova variante Covid-19: “Minaccia grave”
Esteri / Iran, uccise la fidanzata a 17 anni: impiccato 25enne. Amnesty: “Ha confessato sotto tortura”