Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 12:40
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Brasile, Bolsonaro cala nei sondaggi nei primi 100 giorni di governo

Immagine di copertina
Jair Bolsonaro

Sono passati 100 giorni dall’insediamento del presidente Jair Bolsonaro [qui il suo profilo]. La sua elezione aveva generato diverse polemiche e i suoi primi tre mesi di Governo sono stati costellati da vari episodi che hanno scatenato la reazione dell’opinione pubblica.

Non ultima la decisione di commemorare la dittatura che dal 1964 al 1985 ha controllato il paese latinoamericano.

Dopo 100 giorni i sondaggi registrano però un dato molto importante: la popolarità del presidente Bolsonaro è in calo. A rivelarlo è la ricerca dell’agenzia Datafolha.

I dati però non sembrano interessare il capo di Stato brasiliano, che ha minimizzato i risultati del sondaggio.

“Datafolha? Non ho intenzione di sprecare tempo a commentare un sondaggio di chi diceva che avrei perso le elezioni al ballottaggio del 2018”, ha commentato il presidente Bolsonaro.

Il sondaggio, pubblicato sul quotidiano Folha de S.Paulo, ha evidenziato come solo il 32 per cento degli intervistati abbia ancora “un’immagine buona o ottima” del presidente, mentre il 30 per cento ha risposto di avere un’opinione “cattiva o pessima” di Bolsonaro.

Inoltre, il sondaggio realizzato da Datafolha ha mostrato come Bolsonaro sia il leader più impopolare, nei primi 100 giorni di governo, della storia politica del paese dal 1985 (anno della fine della dittatura) ad oggi.

>>Il presidente Bolsonaro vuole commemorare la dittatura e il golpe di Stato in Brasile

Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce