Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:17
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Nella battaglia per la riconquista di Mosul ovest sono morti 439 civili

Immagine di copertina

Dall'inizio dei combattimenti per strappare la città al sedicente Stato Islamico sono fuggite dalla roccaforte dell'Isis quasi 100mila persone

Dall’inizio dell’offensiva per strappare la parte ovest di Mosul al sedicente Stato Islamico sono morti 439 civili. Lo afferma l’ong Osservatorio iracheno per i diritti umani. Secondo i dati diffusi il 15 marzo 2017, 299 di questi civili sono stati uccisi dai bombardamenti della coalizione internazionale a guida statunitense. 

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

L’offensiva della coalizione nella zona ovest di Mosul è iniziata nel mese di febbraio 2017. Secondo alcune fonti locali citate dal sito Shafaq news, i membri di cinque famiglie sono rimasti uccisi nel crollo dell’edificio in cui abitavano nel quartiere della ferrovia, colpito nel raid di un aereo non identificato.

Dopo la conquista della zona di Mosul a est del fiume Tigri con un attacco iniziato nell’ottobre del 2016, le forze lealiste hanno preso parte della città a ovest nei combattimenti dell’ultimo mese. Secondo alcune fonti militari irachene le truppe di Baghdad hanno riconquistato il 60 per cento dei quartieri occidentali.

Un altro report, diffuso dall’Organizzazione internazionale per l’immigrazione, documenta che quasi 100mila iracheni sono fuggiti da Mosul ovest dall’inizio della battaglia per la riconquista della città. La popolazione della zona ovest di Mosul contava, prima dell’inizio dei combattimenti, circa 750mila residenti.

Nella giornata di mercoledì 15 marzo le forze governative irachene hanno preso il controllo dell’Iron Bridge, il ponte che collega il settore est di Mosul con la città antica controllata dall’Isis. 

L’esercito di Baghdad ora ha il controllo di tre dei cinque ponti che attraversano il fiume Tigri e che dividono in due la città.

“Le nostre truppe stanno avanzando costantemente verso la Grande Moschea, siamo ora a meno di 800 metri di distanza”, ha affermato il portavoce della polizia federale. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza