Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:50
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Un bambino malato terminale di 5 anni ha scritto il suo stesso necrologio

Immagine di copertina
Garrett Matthias

Garrett Matthias è morto per una rara forma di cancro. Nel suo necrologio ha scritto cosa pensa della vita e della morte

Un bambino di 5 anni dell’Iowa, negli Stati Uniti, è morto a causa di un cancro terminale e il servizio funebre che la famiglia gli ha dedicato contiene un necrologio unico nel suo genere.

A scriverlo, in buona parte, è stato il bambino stesso.

Garrett Matthias è morto per una rara forma di cancro che ha colpito le ossa e il sistema nervoso del cervello.

Il suo necrologio, che ha guadagnato l’attenzione di tutto il paese, include anche i dettagli più dolorosi delle cure a cui è stato sottoposto nel tentativo di combattere la malattia.

La parte del necrologio che sta colpendo di più l’opinione pubblica, però, è la sua divertente interpretazione della vita e della morte.

Il bambino ha scritto cosa gli piaceva fare di più e cosa invece odiava.

“Giocare con mia sorella, il suo coniglio blu, la musica metal. Pantaloni, questo stupido cancro e il naso della scimmia”.

Il necrologio è stato completato dai suoi genitori, Emilie e Ryan Matthias, che hanno dovuto chiedere al bambino cosa preferisse per il suo funerale e per la sepoltura in un modo adeguato all’età di loro figlio.

Quando gli hanno chiesto cosa pensava della morte, il bambino ha risposto:”Sto per essere un gorilla e gettare cacca contro papà!”.

“Voglio essere cremato (come quando è morta la mamma di Thor) e trasformato in un albero così da poter vivere lì quando sarò un gorilla”, ha invece risposto il bambino quando i genitori gli hanno chiesto se voleva essere sepolto o cremato.

Gerret ha anche spiegato ai genitori cosa voleva per il suo funerale.

“I funerali sono tristi”, ha detto il bambino. “Voglio cinque case gonfiabili, perché ho cinque anni, Batman e coni di neve”.

Il necrologio si chiude con il suo ultimo messaggio.

“Ci vediamo dopo, perdenti! – Il grande Garrett Underpants”.

Il servizio funebre di Garrett terrà conto di molte delle ultime richieste fatte dal bambino, tra cui quella di avere 5 case gonfiabili.

Oltre a coni di neve, ai giochi e ai fuochi d’artificio, ci sarà un arciere che sparerà una freccia infuocata su una piccola barca con le ceneri di Garrett nello stagno di un vicino.

Nel necrologio si legge che la sepoltura delle ceneri di Garrett “si svolgerà in un secondo momento, quando i suoi genitori scopriranno come trasformare le sue ceneri in un albero”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue