Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il bambino brasiliano che ha insegnato alla madre a leggere e scrivere

Immagine di copertina

A soli 3 anni Damiao aveva promesso alla madre Sandra che le avrebbe insegnato a leggere e a scrivere. Dopo 8 anni la promessa è diventata realtà

Sandra Maria de Andrade, una netturbina di Natal, in Brasile, ha imparato per la prima volta a leggere e scrivere a 42 anni.

Suo figlio Damiao Sandriano, di 11 anni, le si avvicinò a soli 3 anni con un libro in mano e le disse: “Mamma, leggeresti questa storia con me? Ha anche delle foto!”, racconta Sandra in un’intervista pubblicata da Bbc. Prima di allora Sandra non era mai stata in grado di leggere e scrivere nemmeno il suo stesso nome.

In passato la donna aveva seguito dei corsi di alfabetizzazione per adulti, dove aveva potuto imparare le lettere dell’alfabeto. Vi aveva dovuto però rinunciare in seguito alle difficoltà riscontrate nello scrivere la vocale “e”. “È stata un’agonia”, confessa.

Ma dopo alcune lezioni col figlio Damiao in casa, Sandra è finalmente riuscita a scrivere una “e”.

Damiao ha messo in pratica delle tecniche per agevolare la madre nell’apprendimento della scrittura: ad esempio immaginare la lettera “R” come una “B aperta”, oppure la lettera “h” come una sedia.

Imparare a saper scrivere il proprio nome ha segnato un prima e un dopo nella vita di Sandra, che ha potuto finalmente cambiare la propria carta d’identità. Prima di quel momento, infatti, Sandra doveva firmare i suoi documenti con l’impronta digitale del pollice.

“Mi sono detta: potrò finalmente ottenere una nuova carta d’identità per mostrare che adesso so scrivere il mio nome. Sono andata e mi hanno chiesto di mettere una firma su un foglio. Ora posso farlo, e non devo più vergognarmene”, ha riferito Sandra alla Bbc. 

Sandra è solo una dei 760 milioni di adulti nel mondo che non sanno leggere e scrivere, secondo i dati Unesco sul livello globale di alfabetizzazione. In Brasile gli analfabeti sono in tutto 12,9 milioni, pari all’8,3 per cento di tutta la popolazione che supera i 15 anni di età.

Il difficile passato di Sandra 

Durante la sua vita, Sandra ha vissuto innumerevoli sofferenze. Figlia di una ragazza madre, Sandra è stata abbandonata all’età di 3 anni. Fu allevata per alcuni anni dalla nonna e fu in seguito presa in affido da una coppia che non le permise mai di frequentare una scuola.

Sandra ha lavorato per anni nella fattoria dei genitori adottivi, dove passava le giornata a polverizzare la manioca per produrne farina e a occuparsi delle pulizie di casa. Spesso chiedeva ai genitori di iscriversi a scuola, ma questi le rispondevano di tornare immediatamente al lavoro, racconta.

All’età di 12 anni, Sandra decise di scappare e di mettersi alla ricerca della madre che l’aveva abbandonata. Sandra venne rifiutata dalla madre biologica e minacciata dal suo nuovo compagno. Visse per circa un anno sul ciglio della strada. A 13 anni, un uomo molto più grande di lei le offrì una casa e da questi Sandra ebbe 3 figli. 

Sandra ha subito violenze sessuali per anni da parte del marito. Nel 1996, Sandra decide di scappare con i 3 figli. La donna avrà altri 4 figli da un’altro uomo, con i quali vivrà in una favela nei pressi di Natal. Damiao è il più giovane dei 7 figli ed è stato proprio lui a prendere l’iniziativa di istruire la madre.

“Dopo che io avrò imparato a leggere e a scrivere, lo insegnerò a te”, aveva promesso il bambino. 

Da quando ha imparato, Sandra è riuscita a leggere col figlio circa 107 libri, quasi tutti recuperati dalla spazzatura che raccoglie quotidianamente per lavoro.

Damiao dice di essere fiero di lei, e che vuole che impari a scrivere il prima possibile “le emozioni che prova dentro, visto che lei ama parlare dell’amore e delle emozioni”.

Insieme hanno scritto un messaggio a caratteri cubitali sulla parete di casa, che recita: “Piccolo angolo di felicità, dove grazie a Dio non manca nulla”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Nuovo attacco alla centrale nucleare di Zaporizhzhia: scambio di accuse tra Kiev e Mosca
Esteri / Giallo a New York: due italiani trovati morti in un albergo
Esteri / Usa, Biden fatica a indossare la giacca, poi gli cadono gli occhiali
Ti potrebbe interessare
Esteri / Nuovo attacco alla centrale nucleare di Zaporizhzhia: scambio di accuse tra Kiev e Mosca
Esteri / Giallo a New York: due italiani trovati morti in un albergo
Esteri / Usa, Biden fatica a indossare la giacca, poi gli cadono gli occhiali
Esteri / Parigi, paura all’aeroporto Charles De Gaulle: uomo armato di coltello ucciso dalla polizia
Esteri / Ucraina, bombardamenti russi a Nikopol: 11 morti e 13 feriti
Esteri / Scoperto un nuovo virus di origine animale in Cina: 35 persone contagiate dal Langya
Esteri / Taiwan: “Cina prepara invasione dell’isola. Le manovre militari proseguono”
Esteri / Trump, l’Fbi ha perquisito la casa dell’ex presidente in Florida. Portate via scatole di documenti
Esteri / È morta Olivia Newton-John: la star di “Grease” aveva 73 anni
Esteri / Congo, i Caschi Blu sparano e uccidono civili: il fallimento dell’Onu di cui nessuno parla