Covid ultime 24h
casi +10.874
deceduti +89
tamponi +144.737
terapie intensive +73

Da 6 anni accompagna in spalla l’amico disabile a scuola: la storia di due amici che ha commosso il web

Di Cristiana Mastronicola
Pubblicato il 2 Apr. 2019 alle 09:46 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 21:46
0
Immagine di copertina

La storia di Xu arriva da lontano, ma ha già commosso il mondo intero. Xu Bingyang ha 12 anni, è cinese e da sei anni, ogni mattina, accompagna in classe il suo amico Zhang Ze. Non si lamenta mai, Xu, nemmeno quando deve portare Zhang sulle spalle per le scale dell’istituto scolastico che i due 12enni frequentano nella città di Meishan. E lo fa, tutti i giorni, da sei lunghi anni.

L’amico Zhang Ze soffre di miastenia gravis, una malattia neuromuscolare caratterizzata da debolezza muscolare che limita i movimenti. Per questo tutti i giorni arriva Xu in aiuto di Zhang. Ogni mattina il ragazzino va a casa del compagno di scuola, lo accompagna a scuola e, a fine lezione, lo riporta a casa.

Ma Xu c’è anche durante le ore di lezione. È lui a prendersi cura dell’amico in tutto e per tutto: durante la pausa pranzo lo aiuta a mangiare, se deve andare in bagno lo accompagna.

“Sono più grosso di lui, se non lo avessi aiutato io, non lo avrebbe fatto nessuno”, ha detto Xu, con la genuinità semplice che solo un bambino può avere. La storia di amicizia e speranza di Xu e Zhang ha fatto il giro del paese ed è finita sulle pagine del quotidiano cinese Sichuan Online .

Zhang Ze ha risposto alle domande dei giornalisti e ha affermato: “Xu è il mio migliore amico. Ogni giorno studia, parla e gioca con me”. E ha aggiunto ancora: “Devo ringraziarlo per avere avuto cura di me così fino ad oggi”. Lui, Xu, non vuole ringraziamenti. Il suo è un gesto naturale, ovvio: “Io peso più di 40 chili, mentre Zhang ne pesa solo 25. Per me è facile trasportarlo”. “Siamo compagni di classe: aiutarsi l’un l’altro è normale”, ha detto ancora il ragazzino, che non sa di compiere invece, ogni giorno, un piccolo miracolo di bellezza.

“Due disabili sono troppi, uno scenda dal treno”, controllore alla stazione di Milano

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.