Tre bambine vivevano immerse tra gli escrementi di 245 animali

"Non si poteva camminare in quella casa. Il pavimento era ricoperto di rifiuti, pipì e feci di animali. C'erano mosche ovunque e la stanza delle bambine era sommersa dalla spazzatura"

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 24 Ott. 2019 alle 12:27
15
Immagine di copertina
Credit: Dipartimento di polizia di Edgewater, Florida (Stati Uniti)

Tre bambine vivevano immerse tra gli escrementi di 245 animali: il ritrovamento della polizia

Tre bambine, tutte di età inferiore ai 10 anni, sono state ritrovate in una casa con 245 animali. Secondo quanto riporta la polizia, le piccole vivevano immerse nell’immondizia. Nell’abitazione vivevano anche quattro cani, 10 petauri dello zucchero (chiamati anche “scoiattoli volanti”), un cinghiale, 14 uccelli e 60 ratti con 23 cuccioli.

L’agente Anthony Binz, del dipartimento di polizia di Edgewater in Florida ha raccontato: “Non si poteva camminare in quella casa. Il pavimento era ricoperto di rifiuti, pipì e feci di animali. C’erano mosche ovunque e la stanza delle bambine era sommersa dalla spazzatura”.

La piccole vivevano nell’appartamento insieme ai genitori e alla fidanzata del padre. L’uomo, Gregg Nelson, aveva deciso di interrompere il rapporto sia con la moglie, Susan Nelson, che con la fidanzata, Melissa Hamilton.

Secondo quanto riportano gli agenti, Gregg Nelson voleva portare le bambine via con sé ma la madre glielo avrebbe impedito.

Le tre bambine con i genitori

“Alcuni animali erano tenuti in gabbia, mentre altri vagavano liberamente per la casa. Giacevano nelle loro stesse feci e nelle loro urine, e tutti sembravano essere infestati dalle pulci, mentre alcuni furono trovati con la rogna”, ha scritto l’agente Binz.

Tutti e tre gli adulti sono stati accusati di abusi su minori e maltrattamento di animali.

“Morsi da cimici, invasi dalla muffa in 9 metri quadri”: l’incubo degli studenti che cercano casa a Parigi | Il reportage di TPI

15
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.