Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 15:54
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Autobomba nella città siriana di Al-Bab: 60 morti e almeno 70 feriti

Immagine di copertina

Tra le vittime si contano anche due soldati turchi, appartenenti alle truppe in sostegno all'esercito siriano. Il bilancio è ancora provvisorio

Un’autobomba è esplosa uccidendo 60 persone e ferendone oltre 70, tra cui molti civili, venerdì 24 febbraio nella città di Al-Bab, in Siria. Lo ha riferito l’emittente televisiva araba Al Jazeera.

Tra le vittime si contano anche due soldati turchi, facenti parte delle truppe in sostegno all’esercito siriano. Il bilancio è ancora provvisorio.

La roccaforte dell’Isis Al-Bab, nel nord della Siria, era stata espugnata dalle forze siriane dopo settimane di violenti combattimenti in cui si sono contate perdite anche tra i militari turchi impegnati nell’offensiva Scudo dell’Eufrate, iniziata il 24 agosto 2016 con l’ingresso delle truppe inviate dalla Turchia in Siria.

Anche se manca la rivendicazione, l’attentato è probabilmente avvenuto per mano del sedicente Stato Islamico, che giovedì 23 febbraio aveva annunciato il ritiro dalla città.

*Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come.*

Nel frattempo, i negoziati sulla crisi siriana presso la sede delle Nazioni Unite a a Ginevra sono incominciati. Le aspettative per un accordo tra il governo siriano e i gruppi di opposizione sono molto basse. Si tratta del quarto round di colloqui mediati in Svizzera dalle Nazioni Unite.

Durante la prima giornata di negoziati, Staffan de Mistura, inviato speciale delle Nazioni Unite in Siria, ha incontrato separatamente entrambe le delegazioni, ma tra le due non vi è stato alcun incontro.

Tra due settimane si celebrerà il sesto anniversario dello scoppio delle proteste popolari in Siria e della conseguente repressione governativa, eventi che hanno gradualmente spinto il paese mediorientale verso una guerra civile con dimensioni regionali e internazionali ed effetti catastrofici sul piano umanitario.

*Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Si è suicidato uno dei poliziotti che difesero Capitol Hill dall’assalto: è il quarto in 7 mesi
Esteri / Atene assediata dagli incendi: migliaia di abitanti e turisti costretti alla fuga
Esteri / Cadaveri per le strade, negozi in fiamme e raid aerei: migliaia di civili fuggono dai talebani nel sud dell’Afghanistan
Ti potrebbe interessare
Esteri / Si è suicidato uno dei poliziotti che difesero Capitol Hill dall’assalto: è il quarto in 7 mesi
Esteri / Atene assediata dagli incendi: migliaia di abitanti e turisti costretti alla fuga
Esteri / Cadaveri per le strade, negozi in fiamme e raid aerei: migliaia di civili fuggono dai talebani nel sud dell’Afghanistan
Esteri / Ucraina, uomo si barrica nella sede del governo e minaccia di far esplodere una bomba: arrestato
Esteri / "Quella maledetta esplosione ha ucciso nostra figlia e distrutto la nostra casa"
Esteri / L’Ungheria evoca l’uscita dall’Ue: “Possibile nel 2030, quando dovremo dare più di quanto riceviamo”
Esteri / A Wuhan torna l’incubo lockdown: isolato un quartiere e chiuse le scuole
Esteri / Bielorussia, ritrovato morto impiccato il dissidente anti Lukashenko scomparso a Kiev
Esteri / I sospetti dei media Usa e inglesi sulla vittoria di Jacobs: “La storia è piena di vincitori dopati”
Esteri / Regno Unito, in autunno terza dose di vaccino per tutti: la decisione di Boris Johnson