Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 15:44
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Attentato di Strasburgo, tre persone incriminate per aver aiutato il terrorista

Immagine di copertina

I tre uomini, appartenenti alla stessa famiglia, sono stati accusati di cospirazione criminale terroristica in relazione all’attentato dell'11 dicembre ai mercatini di Natale di Strasburgo

Tre uomini appartenenti alla stessa famiglia sono stati incriminati per cospirazione criminale terroristica in relazione all’attentato dell’11 dicembre ai mercatini di Natale di Strasburgo, in cui morì anche il giornalista italiano Antonio Megalizzi. La notizia è stata diffusa da fonti giudiziarie.

I tre uomini, di 32, 34 e 78 anni, erano stati arrestati insieme ad altre due persone lo scorso 29 gennaio. Gli altri due arrestati sono stati rilasciati senza accuse.

Gli indagati sono accusati di aver aiutato l’attentatore Cherif Chekatt a entrare in possesso dell’arma con cui ha fatto fuoco sui passanti uccidendo cinque persone e ferendone altre 11. L’uomo venne poi ucciso dalla polizia dopo 48 ore di ricerche.

Chekatt, 29 anni, è di origine nordafricana ma nato e cresciuto nella città francese. Aveva già subito 20 condanne per reati comuni.

Proprio in galera nel 2016 era stato segnalato dall’antiterrorismo francese e indicato come “fiché S” per violenze e proselitismo religioso.

“Si tratta di un criminale comune poi radicalizzato”, ha detto il ministro dell’Interno francese, Christophe Castener, descrivendo l’attentatore di Strasburgo.

Il killer di Strasburgo, dopo la sparatoria, ha preso un taxi per recarsi dal centro della città al quartiere Neudorf. “Al tassista Cherif Chekatt ha detto di avere ucciso 10 persone”.

In seguito, gli investigatori hanno trovato un video in cui si impegnava a sostenere l’organizzazione estremista dello Stato islamico, che ha rivendicato la responsabilità dell’attacco.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Esteri / Instagram danneggia la salute mentale delle adolescenti. Facebook lo sa, ma non fa niente
Esteri / “Il burqa non è nella nostra cultura”: la campagna social delle donne afghane contro i talebani
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Esteri / Israele, morto per Covid il leader dei no vax. Anche dall’ospedale incitava i suoi: “Continuate le proteste”
Esteri / “Dopo l’assalto a Capitol Hill i militari tolsero a Trump l’accesso alle armi nucleari”
Esteri / La Corte europea dei diritti dell’uomo: il green pass “non viola i diritti umani”
Esteri / Incendio in Spagna: migliaia di persone in fuga dalle fiamme vicino alla Costa del Sol