Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Assange, la procura svedese chiede l’arresto per stupro

Immagine di copertina

La procura svedese ha chiesto l’arresto per Julian Assange con l’accusa di violenza sessuale: si tratta, nella sostanza, del  primo passo ai fini della richiesta di estradizione dal Regno Unito.

Lo scorso 13 maggio, i pubblici ministeri svedesi avevano  riaperto l’inchiesta su un’accusa di stupro contro il fondatore di Wikileaks. [qui il suo profilo]

L’inchiesta era stata interrotta nel 2017 perché i giudici non erano in grado di procedere fintanto che Assange si trovava nell’ambasciata ecuadoriana a Londra.

Adesso che l’hacker ha perso il diritto di asilo nella struttura diplomatica, i giudici della Svezia hanno deciso di riprendere l’inchiesta e di richiedere l’arresto.

Julian Assange è stato condannato a 50 settimane di carcere

L’accusa – Julian Assange nell’agosto del 2010 era stato accusato in Svezia da due donne di stupro e molestie sessuali.

I giudici svedesi avevano emesso il 18 novembre un mandato di cattura internazionale: Assange il 7 dicembre decise di consegnarsi alla polizia di Londra e fu poi liberato una settimana dopo dietro pagamento di una cauzione di 240mila sterline.

Su Assange rimase comunque in vigore il mandato di cattura internazionale: il capo di Wikileaks fece allora ricorso, ma nel novembre del 2012 l’appello rigettò la richiesta e confermò il mandato di arresto.

A quel punto i legali dell’hacker si rivolsero alla Corte suprema della Svezia, che nel maggio stabilì in maniera definitiva che Assange doveva essere estradato. I giudici di Londra gli intimano di consegnarsi: per tutta risposta l’attivista si rifugiò nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra.

L’arresto – L’11 aprile 2019 Julian Assange è stato arrestato dopo che il governo dell’Ecuador gli aveva revocato l’asilo politico. L’attivista ha trascorso gli ultimi sette anni nell’ambasciata a Londra del paese latinoamericano.

Il caso Assange: da WikiLeaks ai 7 anni nell’ambasciata dell’Ecuador

Il co-fondatore di Wikileaks aveva trovato rifugio nella sede diplomatica nel 2012 per evitare l’estradizione in Svezia per le accuse di violenza sessuale.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Polonia, donna incinta muore dopo aver portato in grembo un feto morto per 7 giorni
Esteri / Ucraina, tensione ancora alta: ambasciatore Usa consegna la risposta scritta alle garanzie chieste da Mosca
Esteri / Usa, 23enne trovata morta dopo un appuntamento su un’app di incontri: si indaga per omicidio
Ti potrebbe interessare
Esteri / Polonia, donna incinta muore dopo aver portato in grembo un feto morto per 7 giorni
Esteri / Ucraina, tensione ancora alta: ambasciatore Usa consegna la risposta scritta alle garanzie chieste da Mosca
Esteri / Usa, 23enne trovata morta dopo un appuntamento su un’app di incontri: si indaga per omicidio
Esteri / Francia, il Parlamento approva: “Vietate le ‘terapie di conversione’ usate per ‘guarire’ l’omosessualità”
Esteri / “La Cina ha realizzato una app per spiare gli atleti alle Olimpiadi di Pechino”: l’accusa
Esteri / Crisi Russia-Ucraina, venti di guerra soffiano alle porte dell’Europa: cosa sta succedendo
Esteri / Crisi Ucraina-Russia, l’Italia rischia di trovarsi in prima linea al costo di 78 milioni di euro
Esteri / “Il dilemma di Draghi”: la stampa internazionale si divide sull’ipotesi dell’ex banchiere al Quirinale
Esteri / Ucraina, la Nato annuncia l’invio di forze in Europa orientale. Il Cremlino: “L’Occidente aumenta le tensioni“
Esteri / Anche l’Economist volta le spalle a Draghi: “La sua candidatura al Quirinale un male per l’Italia e l’Europa”