Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

“Preparatevi alla guerra”: l’Fbi sapeva del pericolo di assalto al Congresso prima del 6 gennaio

Immagine di copertina

L’Fbi sapeva del pericolo di un assalto in Congresso prima del 6 gennaio

Il 5 gennaio 2021, il giorno prima che centinaia di manifestanti pro Trump prendessero d’assalto il Congresso di Washington causando cinque morti e decine di feriti, la sede dell’FBI di Norfolk, in Virginia, aveva avvertito Washington del pericolo che alcuni manifestanti stessero organizzando un’azione violenta nella capitale federale. A rivelarlo è il Washington Post, entrato in possesso della copia di una nota redatta da un ufficiale della sede di Norfolk.

Il rapporto informativo contraddice quanto dichiarato all’indomani dell’insurrezione in Congresso dal capo dell’Fbi di Washington, Steven D’Antuono, e cioè che l’Intelligence non aveva ricevuto informazioni circa la possibilità che qualcuno dei manifestanti stesse organizzando un’azione violenta. Eppure il rapporto interno visionato dal quotidiano statunitense – trasmesso dall’ufficio di Norfolk alle altre sedi dell’Fbi, tra cui anche quella di Washington – non solo spiegava che i sostenitori del presidente uscente si stavano organizzando per raggiungere la capitale federale partendo dalla Pennsylvania, dal Kentucky dal Massachussets o dalla Carolina del Sud, ma mostrava che i manifestanti non stavano pianificando una semplice manifestazione.

Alcuni avevano a disposizione una mappa dei tunnel del complesso del Campidoglio, e si scambiavano messaggi che incitavano alla violenza. “Siate pronti a combattere. Il Congresso ha bisogno di sentire i vetri rompersi, le porte sfondarsi e di vedere il sangue dei loro schiavi di Blm e Pantifa scorrere”: il documento dell’Fbi riportava una conversazione rintracciata online, che si riferiva probabilmente ai membri del movimento per i diritti civili Black Lives Matter o del gruppo antifascista di estrema sinistra Antifa. “Basta chiamare questa una marcia, o una manifestazione, o una protesta. Preparatevi alla guerra. O ci prendiamo il nostro Presidente o moriamo. Nient’altro potrà raggiungere questo obiettivo”.

Dopo la pubblicazione dell’inchiesta, il capo dell’Fbi di Washington – che venerdì 8 gennaio aveva detto ai reporter di “non aver potuto prevedere nulla” che andasse oltre una marcia legalmente autorizzata – ha ammesso di aver visionato la nota e che questa era stata inviata a tutti i corpi di polizia interessati e alle agenzie statali e federali della rete anti terrorismo che avrebbero potuto agire sulla base di quelle informazioni. Tra queste anche la Capitol Hill Police, responsabile della sicurezza dell’edificio sede del Congresso Usa.

Eppure, da un lato, secondo D’Antuono “non c’era molto da fare” perché l’autore di quei messaggi che incitavano alla “guerra” era anonimo e non poteva essere rintracciato. Dall’altro lato, la nota stessa avvertiva la polizia di non condividere quelle informazioni al di fuori della rete anti terrorismo e di non intraprendere nessuna azione prima di consultarsi con l’FBI.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La variante Delta spaventa il Regno Unito: mai così tanti casi da febbraio
Esteri / Chi è Lina Khan, la nuova dirigente dell'Antitrust americano che fa tremare le Big Tech
Esteri / Covid, la Cina risponde alle accuse: “Gli scienziati di Wuhan meritano il premio Nobel”
Ti potrebbe interessare
Esteri / La variante Delta spaventa il Regno Unito: mai così tanti casi da febbraio
Esteri / Chi è Lina Khan, la nuova dirigente dell'Antitrust americano che fa tremare le Big Tech
Esteri / Covid, la Cina risponde alle accuse: “Gli scienziati di Wuhan meritano il premio Nobel”
Esteri / Omicidio Regeni, l’impertinenza egiziana: “Non c’è motivo per iniziare un processo”
Esteri / Un bisonte e un paio d'occhiali da sole: così sottovoce Biden torna a trattare con Putin
Esteri / “Forza Italia”: Patrick Zaki scrive un bigliettino per gli azzurri dal carcere egiziano
Esteri / Hong Kong, blitz della polizia negli uffici del giornale pro-democrazia: 5 arresti
Esteri / Biden regala a Putin un bisonte di cristallo: ecco cosa simboleggia
Esteri / Violentata in una casa vacanze, 29enne risarcita con 7 milioni da Airbnb
Esteri / Abusati, picchiati, derubati: quei minori stranieri respinti illegalmente alla frontiera del Nord Italia