Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:17
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Ashley Judd difende l’aborto: “Avrei dovuto essere genitore insieme a uno stupratore”

Immagine di copertina
Crediti: Getty

Ashley Judd difende l’aborto. “La democrazia inizia sulla nostra pelle”. L’attrice ha spiegato le sue ragioni in merito all’aborto giovedì 11 aprile, in occasione del “Women in the World Summit” a New York.

“Un aborto mi ha salvata dal dover crescere un bambino con la persona che mi aveva stuprata”, così si confessa Ashley Judd, opponendosi alla proposta di legge con cui lo stato americano della Georgia vuole vietare l’interruzione della gravidanza non appena si avverte il battito del feto.

Il nome della Judd non è nuovo: infatti è stata una delle prime attrici a denunciare Harvey Weinstein, il magnate del cinema hollywoodiano accusato di molestie sessuali. Un’accusa che sta procedendo tramite i suoi legali, avanzando una richiesta di risarcimento danni per diffamazione e molestie. L’attrice ha dichiarato che l’eventuale risarcimento sarà poi devoluto al movimento Time’s Up “perché i lavoratori americani che hanno subito molestie sessuali o ritorsioni possano ricevere aiuto”.

“Sono stata stuprata 3 volte”. L’annuncio dell’attrice neanche è nuovo, anche questo si sapeva già. ” In una delle tre occasioni sono rimasta incinta”, ha poi confessato alla moderatrice dell’incontro, Katie Couric.

“Per questo sono molto grata per aver avuto la possibilità di abortire in modo sicuro e legale. Perché il mio stupratore avrebbe avuto il diritto ad essere padre di quel bambino sia in Kentucky, dove lui vive, sia in Tennessee, dove vivo io. E così avrei dovuto avere come co-genitore del bambino la persona che mi aveva violentata”.

Secondo l’attrice, non dovrebbero esserci regole imposte su ciò che si vuole fare con il proprio corpo. “Per questo motivo avere la possibilità di abortire in maniera sicura è stato molto importante per me”.

Ashley Judd aveva già parlato in precedenza del suo aborto, così come aveva già denunciato le molestie e violenze sessuali che aveva subito.

Adesso, l’attrice si è unita alle oltre 50 star hollywoodiane che hanno firmato la lettera scritta da Alyssa Milano dove si minaccia di boicottare i progetti d’intrattenimento in Georgia nel caso in cui la legislazione dello stato avesse approvato la legge.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari