La Cnn: “A Minneapolis arrestato giornalista afro-latino, collega bianco trattato diversamente”

Di Giulia Angeletti
Pubblicato il 29 Mag. 2020 alle 20:40 Aggiornato il 29 Mag. 2020 alle 20:57
137
Immagine di copertina

La Cnn: “A Minneapolis arrestato giornalista afro-latino, collega bianco trattato diversamente”

“Sono stato trattato in modo molto diverso”. Sono le parole che il giornalista bianco della CNN Josh Campbell ha riferito ad un collega, Josh Berman, raccontando la sua esperienza sul campo a Minneapolis mentre si tenevano le proteste in seguito alla morte di George Floyd, l’afroamericano ucciso il 26 maggio soffocato dalla polizia. Un’esperienza molto diversa da quella vissuta da Omar Jimenez, il giornalista – e collega della stessa emittente – afro-latino arrestato insieme alla sua troupe e poi rilasciato.

“Sono stato trattato in modo molto diverso rispetto ad Omar Jimenez. Sono seduto qui a parlare con la Guardia Nazionale, a parlare con la polizia. Hanno chiesto educatamente di spostarci qui e lì. Un paio di volte mi sono avvicinato più di quanto volevano e mi hanno chiesto educatamente di tornare indietro. Non hanno tirato fuori le manette. Molto diverso da quello che ha vissuto Omar”, ha raccontato Campbell.

Nel frattempo il governatore del Minnesota, Tim Walz, ha definito l’arresto della troupe televisiva “inaccettabile”, mentre la Minnesota State Patrol in un post su Twitter ha dichiarato che i tre reporter della CNN “sono stati rilasciati una volta confermati come giornalisti”. Il video della CNN, che riprende l’arresto di Jimenez, mostra chiaramente il cronista mentre esibisce agli agenti il suo tesserino della CNN prima di essere trattenuto.

Leggi anche: 1.“Soffocato dalla polizia: quell’uomo morto negli Usa ricorda il caso Magherini. Ma in Italia abbiamo smesso di indignarci”: TPI intervista l’avvocato della famiglia Cucchi /2. Essere un nero in America è ancora una sentenza di morte/3. George Floyd, spunta il video-verità che smentisce la polizia. La sequenza completa dell’arresto | VIDEO /4. “Il gigante buono”: chi era l’afroamericano morto soffocato dalla polizia negli Usa

137
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.