Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Ordina ali di pollo al fast food, ma gliele consegnano con le piume ancora attaccate

Immagine di copertina

Una donna ha ordinato delle alette di pollo e si è vista servire delle ali che avevano ancora delle piume attaccate. L’episodio disgustoso è avvenuto in un McDonald’s di Pechino, dove la donna aveva ordinato il piatto per la figlia.

Quando la ragazzina ha visto il piatto con le piume è rimasta profondamente disgustata, come pure la madre. Il problema è che la giovane si è resa conto delle piume solo dopo aver mangiato già tre alette.

Lì per lì la ragazzina non si è sentita male, ma la visione di quel piatto disgustoso ha avuto delle conseguenze sul suo appetito.

“Un’ala di pollo ricoperta di piume è stata fritta e poi venduta, per essere finire nella bocca di una bambina!”, ha scritto la madre in un post pubblicato sui social network che accompagnava la foto del cibo. “Mia figlia ora ha degli incubi, e ogni volta che mangia, vomita”, si legge ancora nel post che ha fatto il giro del mondo.

La donna si è immediatamente lamentata con lo staff del fast food, che in risposta ha offerto alla donna di rimborsarle dieci volte l’importo pagato per quell’ordine.

ali pollo piume pechino
Le ali di pollo con le piume

Il cliente, tuttavia, ha deciso di non accettare l’offerta e ha scelto di procedere alla segnalazione all’amministrazione locale di cibo e farmaci. “Chi può accettare una cosa del genere?”, ha scritto ancora la donna.

“Le penne erano ancora attaccate all’ala di pollo, abbiamo domande su come il ristorante gestisca la sicurezza alimentare”, ha detto la madre della ragazzina ai media cinesi.

McDonald’s China ha rilasciato delle scuse pubbliche sul suo account ufficiale Weibo lo scorso martedì e ha annunciato che stanno ancora indagando su come sia potuto accadere. Dalla multinazionale promettono, inoltre, di migliorare il controllo del cibo.

C’è qualcuno, però, che solleva dei dubbi sulla veridicità di quanto denunciato dalla donna. Alcuni utenti di Weibo hanno fatto notare, infatti, che se fossero state davvero fritte, le piume sarebbero molto diverse.

Per altri, invece, si tratterebbe del gesto di un dipendente che avrebbe cercato di sabotare il ristorante.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Ti potrebbe interessare
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Cronaca / Russia, incidente in una miniera di carbone in Siberia: 52 morti
Esteri / Covid, la nuova variante Omicron è arrivata in Europa: primo caso rilevato in Belgio
Esteri / Dalla Germania alla Cina: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Corea del Nord: condannato a morte per aver importato una copia di Squid Game
Esteri / Le storie dei lavoratori che sfidano Amazon nel giorno del Black Friday
Cronaca / Sudafrica, rilevata nuova variante Covid-19: “Minaccia grave”