Me
HomeEsteri

Algeria, licenziato l’amministratore delegato di Sonatrach

Di Alice Possidente
Pubblicato il 15 Nov. 2019 alle 19:05
Immagine di copertina

Algeria, licenziato l’amministratore delegato di Sonatrach

L’amministratore delegato della compagnia nazionale degli idrocarburi algerina Sonatrach, Rachid Hachichi, è stato licenziato giovedì 14 novembre 2019 dopo soli sette mesi a capo della compagnia statale. Lo ha reso noto l’agenzia di stampa algerina APS.

“Il capo di stato Abdelkader Bensalah ha nominato Kamel-Eddine Chikhi come presidente e amministratore delegato di Sonatrach, in sostituzione di Rachid Hachichi” fa sapere APS, senza specificare le ragioni del licenziamento di Hachichi.

Licenziamento che arriva in concomitanza con l’approvazione di una legge che semplifica l’arrivo di investitori stranieri nel paese nel settore energetico e petrolifero. La legge, secondo AFP, ha suscitato una forte opposizione in Algeria, che è stata accusata di “svendere” la ricchezza nazionale alle multinazionali.

Alla fine di aprile, Hachichi aveva sostituito l’allora amministratore delegato Abdelmoumen Ould Kaddour, dal 2017 in Sonatrach. La società, colosso energetico algerino è interamente di proprietà statale e rappresenta il 60 per cento del bilancio del paese e il 95 per cento delle sue entrate.

Stando alle informazioni diffuse dalla stampa nazionale, al suo posto subentrerà Kamel Eddine Chikhi, e Bensalah ha anche nominato Abderrahmane Aymen alla presidenza della Banca centrale algerina. La sostituzione di Hachichi giunge poco dopo l’approvazione della nuova legge sugli idrocarburi da parte dell’Assemblea nazionale popolare, la camera bassa del parlamento di Algeri.

Il testo del disegno di legge era stato presentato in aula il 5 novembre al ministro dell’Energia, Mohamed Arkab, e accolto da forti critiche da parte dell’opposizione, secondo la quale un governo in fase di transizione non potrebbe legiferare su una questione tanto delicata.

Sonatrach è un’azienda al 100 per cento di proprietà dello Stato, nonché una delle principali aziende petroliere al mondo e la più importante società per azioni in Africa.

Algeria, 8 neonati morti nell’incendio di un ospedale