Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:28
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Assalto in Congresso, Alexandria Ocasio Cortez contro Facebook: “Anche Zuckerberg responsabile, non ha fatto niente per fermare l’odio”

Immagine di copertina

Il nuovo attacco di Alexandria Ocasio Cortez a Facebook: “Non ha fatto niente per fermare l’odio”

Dopo l’assalto a Capitol Hill del 6 gennaio gli account social di Donald Trump sono stati bloccati, e il profilo Twitter sospeso per sempre. Eppure per la deputata democratica Alexandria Ocasio Cortez, che in passato aveva duramente criticato Mark Zuckerberg per la mancanza di controllo su messaggi d’odio e fake news che circolano sui suoi social network, la censura del presidente uscente non è abbastanza, ed è arrivata troppo tardi.

“Mark Zuckerberg e Facebook – ha detto Ocasio-Cortez – hanno la loro parte di responsabilità per quello che è successo a Capitol Hill. Loro sono parte del problema. Erano a conoscenza della disinformazione che girava su Facebook e non hanno fatto niente per fermare, hanno permesso che girassero questi messaggi carichi di violenza. Sapevamo che questo era un problema, e ben prima che scoppiasse la pandemia del Covid”, ha detto la politica di New York, che sull’assalto del Campidoglio da parte dei manifestanti pro Trump ha dichiarato: “Pensavo di morire”.

Intanto, oltre 20mila truppe della guardia nazionale statunitense sono state dispiegate a Washington a partire da mercoledì scorso con l’obiettivo di presidiare il Campidoglio, dove domani si terrà l’inaugurazione del mandato del presidente eletto Joe Biden. Tutto il mondo guarda alla solenne cerimonia con apprensione per il pericolo che si verifichino nuovi scontri dopo che l’Fbi ha lanciato l’allarme.

Trump però ha già fatto sapere che non ci sarà: al suo posto presenzierà il vice presidente uscente, Mike Pence. Il Senato intanto deve decidere quando far partire il processo di impeachment contro il presidente uscente per i fatti del 6 gennaio dopo che la richiesta di metterlo sotto accusa è stata già approvata alla Camera grazie ai voti dei democratici e di 10 deputati repubblicani.

Leggi anche: 1. Ero dentro il Congresso Usa quella sera, vi racconto cosa ho visto 2. Il giorno più buio dell’America (di Giulio Gambino) // 3. Il golpe di Trump (di Luca Telese) // 4. La democrazia Usa cancellata per qualche ora, ma il vero sconfitto è Trump (di G. Gramaglia); // 5. Ora non dite che sono solo quattro patrioti sballati (di Giulio Cavalli); // 6. E se i manifestanti pro Trump che hanno assaltato il Congresso fossero stati neri?

Ti potrebbe interessare
Esteri / Si è suicidato uno dei poliziotti che difesero Capitol Hill dall’assalto: è il quarto in 7 mesi
Esteri / Atene assediata dagli incendi: migliaia di abitanti e turisti costretti alla fuga
Esteri / Cadaveri per le strade, negozi in fiamme e raid aerei: migliaia di civili fuggono dai talebani nel sud dell’Afghanistan
Ti potrebbe interessare
Esteri / Si è suicidato uno dei poliziotti che difesero Capitol Hill dall’assalto: è il quarto in 7 mesi
Esteri / Atene assediata dagli incendi: migliaia di abitanti e turisti costretti alla fuga
Esteri / Cadaveri per le strade, negozi in fiamme e raid aerei: migliaia di civili fuggono dai talebani nel sud dell’Afghanistan
Esteri / Ucraina, uomo si barrica nella sede del governo e minaccia di far esplodere una bomba: arrestato
Esteri / "Quella maledetta esplosione ha ucciso nostra figlia e distrutto la nostra casa"
Esteri / L’Ungheria evoca l’uscita dall’Ue: “Possibile nel 2030, quando dovremo dare più di quanto riceviamo”
Esteri / A Wuhan torna l’incubo lockdown: isolato un quartiere e chiuse le scuole
Esteri / Bielorussia, ritrovato morto impiccato il dissidente anti Lukashenko scomparso a Kiev
Esteri / I sospetti dei media Usa e inglesi sulla vittoria di Jacobs: “La storia è piena di vincitori dopati”
Esteri / Regno Unito, in autunno terza dose di vaccino per tutti: la decisione di Boris Johnson