Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Aleppo rischia di diventare un gigantesco cimitero

Immagine di copertina

Circa 25mila civili hanno lasciato la città negli ultimi giorni, mentre le forze governative avanzano. Ecco la denuncia del sottosegretario Onu agli Affari Umanitari

La città siriana di Aleppo rischia di trasformarsi in un “gigantesco cimitero”, mentre le forze del regime di Bashar al-Assad avanzano nelle aree sotto il controllo dei ribelli. Lo ha dichiarato il sottosegretario agli Affari Umanitari delle Nazioni Unite Stephen O’Brien, durante una sessione di emergenza del Consiglio di sicurezza Onu.

“Per il bene dell’umanità, noi imploriamo le parti e coloro che possono intervenire a fare tutto ciò che è in loro potere per proteggere i civili e consentire l’accesso ad Aleppo est, prima che diventi un enorme cimitero”, ha detto O’Brien.

Almeno 34 persone sono morte negli ultimi bombardamenti del governo siriano e degli alleati russi. Dallo scorso sabato i soldati hanno riconquistato oltre un terzo della parte orientale di Aleppo, tagliando in due l’area controllata dai ribelli. Secondo i dati Onu, sono 25mila i civili costretti a lasciare le proprie case. Circa la metà di questi sono bambini.

Molti di quelli rimasti nella parte di città in mano ai ribelli sono costretti senza cibo a rovistare tra i rifiuti.

Secondo O’Brien anche chi è fuggito affronta situazioni pericolose. I ribelli impediscono ai civili di lasciare la zona intorno ad Aleppo, mentre sono stati riportati alcuni casi di sequestri di civili da parte delle forze governative. I profughi rischiano di restare coinvolti nello scontro a fuoco.

Aleppo era la città più grande della Siria, l’epicentro commerciale e industriale di maggiore importanza nel paese prima dell’inizio della guerra civile del 2011.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Elezioni in Germania, proiezioni: Spd in vantaggio sulla Cdu. Scholz: "I tedeschi vogliono il cambiamento"
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Ti potrebbe interessare
Esteri / Elezioni in Germania, proiezioni: Spd in vantaggio sulla Cdu. Scholz: "I tedeschi vogliono il cambiamento"
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”