Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:06
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Al Bano invita Salvini ai mondiali di judo con Putin e Orbán

Immagine di copertina
Da sinistra: il leader della Lega Matteo Salvini, il presidente dell'Ungheria Viktor Orbán, il cantante Al Bano e il presidente russo Vladimir Putin. Credits: Ansa

Al Bano fa da “mediatore” tra Matteo Salvini, Viktor Orbán e Vladimir Putin. L’incredibile occasione del possibile incontro diplomatico è il mondiale di Judo, l’arte marziale amata dal presidente russo e dal nostro popolare cantante, in programma da domenica 6 giugno a domenica 13 giugno a Budapest (Ungheria).

A inaugurare l’evento sportivo è Al Bano. L’ambasciatore del Judo canterà l’inno della federazione internazionale del judo (Ijf) alla presenza di Putin, del presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev e del premier ungherese Viktor Orbán. Il cantante si era già esibito nel 2017, sempre in occasione dei mondiali di Judo, dove aveva avuto l’onore di comporre il testo dell’inno della federazione internazionale.

E a questo importante evento Al Bano ha invitato Matteo Salvini. Il segretario della Lega ha confermato l’invito dicendo a Mattino 5:Mi ha chiamato Al Bano mentre ero in Portogallo. Spero di andare, se coincide con i lavori parlamentari. Lo sport è salute, Orban è un amico, se andrò sarà per ricordare che lo sport deve essere unione“.

È possibile che in questa occasione Salvini possa incontrare Orbán, con cui ha avviato un dialogo per la formazione di un nuovo gruppo nel Parlamento europeo, e lo stesso Putin. Per il leghista, scrive il Corriere della Sera, potrebbe essere l’occasione di un faccia a faccia lungamente atteso con il leader russo. “Quando Salvini andò a Mosca nel 2017, infatti, incontrò il ministro degli esteri Lavrov ma non il presidente. Lo staff di Salvini non si sbilancia e l’incontro è semplicemente definito “possibile”. In realtà, lo sherpa potrebbe essere proprio Al Bano. Che ben conosce Salvini anche perché, quando il leader leghista era ministro, andò al Viminale a rappresentargli alcune questioni legate al vino, di cui è produttore”, commenta Marco Cremonesi sul Corriere.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Almeno 17 morti in un raid di Israele sul campo profughi di Nuseirat”
Esteri / Netanyahu scioglie il gabinetto di guerra dopo l’uscita di Gantz, bombe su Gaza: almeno 6 morti
Esteri / Esplode un blindato a Rafah, muoiono 8 soldati israeliani
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Almeno 17 morti in un raid di Israele sul campo profughi di Nuseirat”
Esteri / Netanyahu scioglie il gabinetto di guerra dopo l’uscita di Gantz, bombe su Gaza: almeno 6 morti
Esteri / Esplode un blindato a Rafah, muoiono 8 soldati israeliani
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg
Esteri / L’incredibile storia dell’ospite indesiderato del New Yorker Hotel
Esteri / Da Gaza a Taiwan, Francesco Maringiò a TPI: “Vi spiego com’è il mondo visto dalla Cina”
Esteri / Reportage TPI: Belfast è lo specchio del conflitto in Medio Oriente
Esteri / L’eterno conflitto tra Israele e Palestina in Medio Oriente
Esteri / Nessuno vuole davvero scaricare Putin: il sospetto di Zelensky che spaventa gli Usa