Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Agricoltore sposta per sbaglio il confine: “Il Belgio più grande e la Francia più piccola”

Immagine di copertina
Credit: DAVID LAVAUX

Un agricoltore belga ha spostato accidentalmente il confine con la Francia. L’uomo, infastidito dalla pietra miliare utilizzata per segnare il confine tra Francia e Belgio posta sul percorso del suo trattore, ha finito per piazzarla a 2,29 metri dalla posizione originaria. Spostando di fatto il confine tra le località di Bousignies-sur-Roc (Francia) e Montignies (Belgio).

Una vicenda che ha suscitato ilarità da entrambe le parti senza provocare (per fortuna, ndr) incidenti diplomatici. Ad accorgersene è stato un appassionato di storia locale, durante una passeggiata in mezzo nel bosco. A riportare la notizia è la Bbc.

Ha reso il Belgio più grande e la Francia più piccola: non è una buona idea”, ha detto al canale televisivo francese TF1 David Lavaux, sindaco del villaggio belga di Erquelinnes. “Quando ho appreso la notizia ho provato felicità, la mia città era più grande – ha scherzato il primo cittadino – ma il mio omonimo di Bousignies-sur-Roc non è stato d’accordo”. La pietra di confine risale al 1819, pochi anni dopo la sconfitta Napoleone Bonaparte alla battaglia di Waterloo, quando fu delimitata per la prima volta la frontiera tra la Francia e l’attuale Belgio.

Le autorità locali belghe – secondo quanto riporta la testata Sudinfo – intendono contattare l’agricoltore per chiedergli di riporre la pietra nella sua posizione originale. In alternativa, il caso potrebbe finire sulla scrivania del ministero degli Esteri belga, che dovrebbe convocare la commissione di frontiera franco-belga, organismo dormiente dal 1930.

Lavaux ha osservato che l’agricoltore potrebbe affrontare conseguenze legali, qualora non dovesse collaborare con le autorità. Tuttavia, “se mostrerà buona volontà, non avrà problemi e risolveremo la faccenda amichevolmente“, ha concluso il sindaco.

Leggi anche: Belgio, un pensionato riceve da 9 anni pizze a domicilio che non ha mai ordinato

Ti potrebbe interessare
Esteri / Terremoto in Turchia, evasi 20 affiliati dell’Isis detenuti in Siria
Esteri / Terremoto in Turchia, estratti vivi dopo 28 ore una mamma e i suoi tre figli
Esteri / Qatargate, le pressioni di Panzeri per fermare la nomina Ue di Di Maio
Ti potrebbe interessare
Esteri / Terremoto in Turchia, evasi 20 affiliati dell’Isis detenuti in Siria
Esteri / Terremoto in Turchia, estratti vivi dopo 28 ore una mamma e i suoi tre figli
Esteri / Qatargate, le pressioni di Panzeri per fermare la nomina Ue di Di Maio
Esteri / Terremoto in Turchia, morto il portiere Türkaslan: sui social la struggente reazione delle moglie
Esteri / Terremoto in Turchia: la scossa potente come 130 bombe atomiche, oltre 5.100 i morti
Esteri / Terremoto Turchia, ritrovato sotto le macerie il calciatore Christian Atsu. Media inglesi: “Sta bene”
Esteri / Bimbo di 6 anni ordina mille dollari di cibo con lo smartphone del padre: “Non so se ridere o arrabbiarmi”
Esteri / “Peccato, avrebbe potuto vincere”: l’ironia della portavoce russa sull’assenza di Zelensky in video a Sanremo
Esteri / I quoll rischiano l’estinzione: non dormono per fare più sesso
Esteri / Tragedia in Francia: morti 7 bambini e la loro madre in un incendio. Grave il padre