Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Afghanistan a un passo dalla catastrofe umanitaria, l’Unhcr lancia la campagna: “Non lasciamoli soli”

Nel Paese 23 milioni di persone soffrono la fame, mancano i beni di prima necessità e il sistema sanitario è al collasso. Secondo le stime, quest’anno il 97 per cento degli afghani precipiterà sotto la soglia di povertà. E il gelo invernale mette a rischio la sopravvivenza dei più vulnerabili. L’Agenzia ONU per i Rifugiati (UNHCR) lancia la campagna “Non lasciamoli soli” per rispondere alla dilagante emergenza: dal 13 febbraio al 6 marzo, tutti possono contribuire donando al 45588

Nell’Afghanistan già ridotto allo stremo da 40 anni di guerra si sta consumando la più grave emergenza umanitaria al mondo: 23 milioni di persone sono ridotte alla fame, quasi la metà della popolazione totale del Paese. Ai margini delle città, nei villaggi e negli alloggi di fortuna, milioni di persone sono esposte al rigido inverno: il futuro di un’intera nazione è in bilico. UNHCR lancia un accorato appello: migliaia di famiglie rischiano di non sopravvivere senza aiuti immediati. Con la campagna “Emergenza Afghanistan: non lasciamoli soli tutti possiamo contribuire a salvare la vita di bambini, anziani, donne e uomini in condizioni di estrema vulnerabilità donando al numero 45588 dal 13 febbraio al 6 marzo.

UN POPOLO IN DISPERATA FUGA, SOPRAFFATTO DA POVERTA’, PANDEMIA E GELO INVERNALE

La crisi umanitaria dell’Afghanistan è il risultato del lungo conflitto, ma anche della crisi economica, acuita dalla pandemia, oltre che delle conseguenze dei cambiamenti climatici. Una serie di eventi drammatici si sono impietosamente abbattuti su una popolazione già profondamente segnata: la peggiore siccità degli ultimi decenni ha ridotto al minimo la disponibilità di acqua e compromesso i raccolti; un sistema sanitario al collasso e la minaccia del COVID-19, con meno del 10 % della popolazione vaccinata. Il cibo scarseggia, le medicine sono introvabili, mentre i prezzi dei generi di sussistenza sono cresciuti significativamente. Le persone che prima avevano una stabilità economica – medici, insegnanti, commercianti – non riescono più a mangiare e a pagare l’affitto, mentre chi era già povero oggi lo è ancora di più. Entro l’estate il 97% degli afghani potrebbe precipitare sotto la soglia di povertà. Si stima che circa 4 milioni e 700 mila persone quest’anno soffriranno la malnutrizione acuta, inclusi 1 milione e 100 mila bambini.  In totale, oltre 4 milioni di bambini non vanno a scuola. La maggioranza degli insegnanti non viene pagato: esiste il rischio concreto che presto nessun bambino potrà più andare a scuola. A tutto questo si aggiunge il gelo invernale: in molte regioni sta nevicando abbondantemente e migliaia di famiglie sfollate passano le notti in scuole, moschee o edifici abbandonati, o addirittura all’aperto, rischiando l’ipotermia.

“Nel 2021 quasi 700 mila afghani sono fuggiti dalle loro case per via degli scontri armati. Ma la cifra complessiva delle persone che negli ultimi anni sono state costrette a spostarsi all’interno dei confini nazionali è molto più alta essendo pari a circa 9 milioni – dichiara Chiara Cardoletti, Rappresentante UNHCR per l’Italia, la Santa Sede e San Marino.  6 milioni sono invece i rifugiati in Pakistan e in Iran, la maggioranza dei quali vive da anni in questi Paesi, e molti altri si trovano in Europa. Nonostante dallo scorso agosto in poi non abbiamo registrato flussi di portata paragonabile a quelli degli anni passati appare molto probabile che, se la crisi economica e sociale del Paese non sarà rapidamente affrontata e risolta, questi movimenti aumenteranno una volta finita la stagione invernale”. 

Oggi, a mesi di distanza dalla fine del conflitto e dall’arrivo dei Talebani, la situazione è ovviamente molto difficile e fluida ma anche relativamente stabile, soprattutto dal punto di vista della sicurezza. E questo aspetto è cruciale per l’efficacia delle operazioni umanitarie.

“Le condizioni di sicurezza attuali ci permettono di raggiungere aree che sono state inaccessibili per anni e dove oggi c’ è disperatamente bisogno della nostra presenza. Il lavoro umanitario dell’UNHCR finora non è stato ostacolato ed esiste un fondamentale spazio di dialogo con il nuovo governo.  Dobbiamo assolutamente sfruttare questa possibilità per portare aiuti che salvano la vita e che possano stabilizzare le condizioni della popolazione” – conclude Cardoletti. 

LA CAMPAGNA “NON LASCIAMOLI SOLI”, PER DONARE AL 45588

UNHCR resta operativo in quasi tre quarti dei distretti in Afghanistan. Nel 2021 l’Agenzia ha già assistito 1 milione 100 mila persone all’interno del Paese. Oggi occorre incrementare lo sforzo e garantire aiuti umanitari in Afghanistan e nei Paesi limitrofi, Iran e Pakistan in primis. Attraverso la campagna “Non lasciamoli soli, dal 13 febbraio al 6 marzo, con una donazione via SMS o da telefono fisso al numero solidale 45588 ciascuno potrà contribuire a realizzare gesti che possono veramente fare la differenza: distribuzione di tende e beni essenziali per le famiglie, kit per l’igiene, coperte, stuoie per dormire e stoviglie per cucinare, coperte, indumenti invernali, mascherine, saponi e gel disinfettanti, taniche per l’acqua.  UNHCR sta anche finanziando la costruzione di 9 cliniche, di 19 scuole e di altri centri di formazione per giovani e di un centro servizi per donne. 

La campagna “Non lasciamoli soli” è sostenuta da un nutrito parterre di volti noti dello spettacolo e dello sport.  Tra questi: Alessandro Gassmann, Lorena Bianchetti, Lino Guanciale, Francesco Pannofino, Cecilia Dazzi, Carolina Crescentini, Raz Degan, Irene Ferri, Giovanni Scifoni, Giuseppe Catozzella, Elena Sofia Ricci, Francesco Arca e la giornalista Laura delli Colli. 

Tra gli sportivi: Beppe Bergomi, Demetrio Albertini che collaborano da anni con UNHCR, insieme ad Alessandro Florenzi, la campionessa di pallavolo Miriam Sylla e la giornalista Giorgia Rossi. 

La Lega Calcio Serie A dedicherà alla campagna di UNHCR la giornata di campionato del 19/20 febbraio, quando su tutti i campi di calcio sarà presente lo striscione di “Non lasciamoli soli” e tutti gli allenatori rivolgeranno degli appelli nel corso delle dirette TV (Rai, Sky, Dazn).

La campagna di UNHCR ha il sostegno di Rai per il Sociale ed è supportata anche da Sky, La7 e TV2000. Dal 13 febbraio al 6 marzo 2022, inviando un SMS o chiamando il 45588 sarà possibile donare 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari WINDTRE, TIM, Vodafone, Iliad, PosteMobile, Coop Voce, Tiscali. La donazione sarà di 5 o 10 euro per le chiamate da rete fissa TIM, Vodafone, WINDTRE, Fastweb e Tiscali e, sempre per la rete fissa, di 5 euro da TWT, Convergenze, PosteMobile.

DAL 13 FEBBRAIO AL 6 MARZO INVIA UN SMS O CHIAMA IL 45588 PER NON LASCIARE SOLA LA POPOLAZIONE AFGHANA

Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Zelensky: “Negoziati su Azovstal, anche per uscita militari”. Bombe su ospedale a Severodonetsk
Esteri / Guerra in Ucraina, Di Maio: “Bisogna tenere aperto un canale con Mosca”
Esteri / Strage di Buffalo, anche Luca Traini tra i modelli citati dal 18enne suprematista bianco
Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Zelensky: “Negoziati su Azovstal, anche per uscita militari”. Bombe su ospedale a Severodonetsk
Esteri / Guerra in Ucraina, Di Maio: “Bisogna tenere aperto un canale con Mosca”
Esteri / Strage di Buffalo, anche Luca Traini tra i modelli citati dal 18enne suprematista bianco
Esteri / Britney Spears annuncia di aver perso il bambino che aspettava con Sam Ashgari
Esteri / Ucraina: i corpi di soldati russi caricati sui treni frigo | VIDEO
Esteri / Croazia, abortire è quasi impossibile: migliaia in piazza per protestare contro i medici obiettori
Esteri / “Non avvicinatevi al tavolo…”: la “vendetta” dei Maneskin verso la Francia
Esteri / In nomine Putin: Kirill, il chierichetto dello Zar che giustifica la guerra in Ucraina
Esteri / Usa, 18enne uccide 10 persone in un supermercato di Buffalo in diretta streaming: è un “suprematista bianco”
Esteri / Guerra in Ucraina, Mosca: "I negoziati non possono riguardare i miliziani Azov". Svezia, partito al governo approva candidatura Nato