Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Il futuro degli imprenditori in Afghanistan non dipende dai talebani (di W. Samadi)

Immagine di copertina

Le reti di approvvigionamento e distribuzione e il credito costituiscono le sfide maggiori per le imprese afghane, più del governo dell’Emirato islamico

Mirwais Momand è un imprenditore afghano-olandese che nel 2012 ha fondato il caseificio Mido per sostenere gli agricoltori del Paese e garantire ai mercati afghani prodotti freschi e di alta qualità. «Il nostro obiettivo è stato sempre quello di stabilire una filiera del caseario sostenibile, autosufficiente e di valore», racconta Momand. «Compriamo latte fresco da 130 agricoltori, lo trasformiamo in prodotti locali che poi vendiamo a Kabul e nelle altre città principali. La nostra azienda garantisce lavoro agli abitanti del luogo e distribuisce anche gratuitamente pacchi di aiuti alimentari per rispondere alla crisi umanitaria in corso nel Paese».

Mido continua a operare nonostante le difficoltà che i recenti sviluppi politici in Afghanistan hanno causato alle aziende. «Cerchiamo di andare avanti, paghiamo gli agricoltori e questo è il nostro obiettivo principale. In prospettiva abbiamo ridimensionato le nostre ambizioni di crescita per mancanza di fondi», ribadisce l’imprenditore. «Abbiamo difficoltà con l’importazione delle materie prime e con i pagamenti ai nostri fornitori internazionali. Il potere d’acquisto della popolazione è stato colpito duramente dalla svalutazione della moneta locale e dal fatto che gli stipendi non vengono pagati regolarmente. Tuttavia, abbiamo scelto di continuare a lavorare e a sostenere l’economia afghana».

Non considera i talebani una minaccia per la sua impresa, anche se preferirebbe ricevere più sostegno da parte del governo ed essere aiutato ad affrontare la carestia e la disoccupazione che al momento affliggono l’Afghanistan. «Dobbiamo ancora capire come evolverà la situazione con i talebani ma il governo precedente non facilitava le nostre operazioni a causa di una corruzione endemica».

L’assenza di chiarezza nei piani dei talebani e della comunità internazionale ha sicuramente avuto un forte impatto sul settore privato. «Sono ottimista e spero che i talebani si rendano presto conto del ruolo delle imprese e diano loro il sostegno necessario», spera Momand. «Il Paese attraversa una carestia senza precedenti: più del 40 per cento dei bambini soffre di problemi di denutrizione. La fame è il killer silenzioso della nazione. Spero che tutte le parti coinvolte coopereranno in modo trasparente e onesto per risolvere queste gravi sfide».

L’uomo resta però ottimista sul futuro dell’imprenditoria in Afghanistan e invita gli altri imprenditori ad abbandonare una mentalità che prevede solo vincitori e vinti per lavorare insieme al raggiungimento di obiettivi comuni e onesti.

Gli imprenditori afghani che vivono fuori dal Paese e fanno giungere i loro prodotti dall’Afghanistan hanno difficoltà con gli approvvigionamenti e a mandare avanti le proprie aziende dopo la rapida conquista del Paese da parte dei talebani, avvenuta lo scorso agosto. Distribuzione e credito costituiscono le sfide maggiori.
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Renzi dice che Italia Viva ora “vale il 13%”. Ma in realtà ha preso 3mila voti a Roma1 con l’11% di affluenza
Opinioni / Quirinale, indiscreto: sempre più quotata l’ipotesi Gianni Letta presidente
Opinioni / Le ultime dalla Rai: mentre a viale Mazzini si tifa per Draghi al Colle, Monica Maggioni cambia “faccia” al Tg1
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Renzi dice che Italia Viva ora “vale il 13%”. Ma in realtà ha preso 3mila voti a Roma1 con l’11% di affluenza
Opinioni / Quirinale, indiscreto: sempre più quotata l’ipotesi Gianni Letta presidente
Opinioni / Le ultime dalla Rai: mentre a viale Mazzini si tifa per Draghi al Colle, Monica Maggioni cambia “faccia” al Tg1
Opinioni / Il centrosinistra reagisca alla candidatura di Berlusconi al Quirinale prima che sia troppo tardi (di M. Tarantino)
Opinioni / Se Draghi va al Colle serve un governo politico (di G. Cuperlo)
Opinioni / Pd, a sostenere Draghi al Quirinale sono rimasti solo Letta, Zingaretti e Guerini
Opinioni / Ecco perché la classe operaia vota il partito che l’ha distrutta (di A. Stille)
Opinioni / Il martirio di un transessuale (di V. Magrelli)
Opinioni / Berlusconi certo della sua elezione a presidente: il Cavaliere sta già lavorando al restyling del Quirinale
Opinioni / La partecipazione di Drusilla Foer a Sanremo ci racconta di una società che è molto più avanti della politica (di M. Cirinnà)