Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Una compagnia aerea giapponese non vuole bambini urlanti sui propri aerei

Immagine di copertina
Credit: afp

La All Nippon Airways sta progettando voli con personale specializzato che dovrebbe calmare i bambini che piangono e aiutare i genitori

La All Nippon Airways (ANA), la più grande compagnia aerea giapponese, sta lavorando per evitare che sui propri aerei ci siano troppi bambini piccoli che urlano e piangono.

Secondo i dati della compagnia, i bambini al di sotto dei tre anni costituiscono circa l’1,6 per cento dei suoi passeggeri sui voli nazionali e lo 0,8 per cento sui voli internazionali.

La All Nippon Airways ha rilevato che alcuni genitori evitano di volare perché temono che i loro bambini disturbino altri passeggeri.

L’obiettivo dunque è quello di incentivare nuovi potenziali clienti a utilizzare la loro compagnia.

Per raggiungere tale scopo, la All Nippon Airways ha lanciato il progetto il cui titolo può tradursi approssimativamente come “Un aereo senza bambini urlanti!”, che mira a realizzare voli con personale predisposto ad aiutare genitori in difficoltà.

La compagnia progetta di registrare i battiti cardiaci dei bambini che salgono a bordo, sulla base dei quali dare consigli ai genitori per far stare il più possibile in silenzio i loro figli.

Inoltre, gli aerei saranno riforniti di caramelle, ciucci e altri oggetti per bambini, insieme a del personale specializzato, per evitare che i genitori debbano sentirsi in colpa nei confronti degli altri passeggeri.

Alcuni però sostengono che questo non sia il vero piano della compagnia giapponese. Anzi, la Ann Nippon Airways figurerebbe tra le più intolleranti nei confronti dei bambini.

Una madre di un bambino due anni ha lanciato una campagna con lo slogan “è bello piangere!”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Esteri / Teologo musulmano critica i completi delle pallavoliste turche: “Siete sultani della fede, non dello sport”
Esteri / Variante Delta, Fauci: “Vaccinati o no, la contagiosità dei positivi è identica”
Esteri / Obbligo di vaccino per i dipendenti Google e Facebook
Esteri / A che punto è la crisi politica in Tunisia: Said licenzia 20 alti funzionari di governo
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Esteri / In Germania è iniziata ufficialmente la quarta ondata di Covid
Esteri / Influencer di giorno, narcotrafficante di notte: arrestata la 19enne "Miss Cracolandia"