Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Tribunale Ue rigetta ricorso di Google: confermata la multa da 2,42 miliardi di euro

Immagine di copertina

Tribunale Ue rigetta ricorso di Google: confermata la multa da 2,42 miliardi di euro

Nuova sconfitta per Google nella disputa con l’antitrust europea. Il Tribunale dell’Unione europea ha rigettato il ricorso del motore di ricerca contro la decisione della Commissione europea, che nel 2017 aveva condannato il gigante californiano a pagare una multa di 2,42 miliardi di euro, all’epoca la più ingente mai inflitta dalle autorità europee.

La commissaria europea per la concorrenza, Margrethe Vestager, aveva punito Google per abuso di posizione dominante, accusando il motore di ricerca di aver avvantaggiato in maniera illegittima il proprio servizio per la comparazione dei prezzi, chiamato “Google Shopping”, rispetto ai concorrenti.

Anche il Tribunale ha riconosciuto “il carattere anticoncorrenziale della pratica controversa” messa in atto da Google, condannata da Vestager nella prima di tre decisioni che negli ultimi anni hanno portato le autorità europee a chiedere all’azienda che fa parte del gruppo Alphabet 8,25 miliardi di euro. La commissaria ha successivamente rivolto la sua attenzione anche ad altri colossi tecnologici statunitensi, aprendo indagini su Amazon, Apple e Facebook.

”Google non riesce ancora a dimostrare alcun aumento di efficienza legato a questa pratica che compenserebbe i suoi effetti negativi sulla concorrenza”, hanno affermato i giudici, contestando “la disparità di trattamento dei risultati del servizio di acquisti comparativi di Google e dei risultati dei servizi di acquisti comparativi concorrenti”. “Anche se gli algoritmi per la classificazione dei risultati generici o i criteri per il posizionamento e la visualizzazione dei risultati dei prodotti specializzati di Google possono, in quanto tali, rappresentare miglioramenti del servizio favorevoli alla concorrenza, ciò non giustifica la pratica in questione”, ha detto il Tribunale, trovando che la Commissione europea ha ”correttamente riscontrato effetti dannosi sulla concorrenza” al termine della sua indagine avviata nel 2010 dopo le denunce presentate delle rivali TripAdvisor e Twenga.

Google potrà impugnare la sentenza del Tribunale presso la Corte di giustizia dell’Unione europea, la più alta corte europea, che potrà decidere solo su questioni di diritto.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Scuola, marcia indietro del governo: torna la didattica a distanza anche al primo positivo
Cronaca / Moderna, l’a.d. Bancel: “Vaccini meno efficaci contro Omicron”. Borse asiatiche chiudono in picchiata
Cronaca / Covid, oggi 7.975 casi e 65 morti: tasso di positività al 2,9%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Scuola, marcia indietro del governo: torna la didattica a distanza anche al primo positivo
Cronaca / Moderna, l’a.d. Bancel: “Vaccini meno efficaci contro Omicron”. Borse asiatiche chiudono in picchiata
Cronaca / Covid, oggi 7.975 casi e 65 morti: tasso di positività al 2,9%
Cronaca / Trasporti pubblici gratis per combattere l’inquinamento: l’esperimento al via a Genova
Cronaca / Giulia Talia, la prima aspirante Miss Italia dichiaratamente lesbica: “Spero di essere d’aiuto ad altri”
Cronaca / Il governo usa il Covid come scusa per respingere e rimpatriare i migranti
Cronaca / Giornalista molestata, il conduttore si difende: “Non volevo minimizzare”. Identificato il tifoso
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Cronaca / Cosa sappiamo (e cosa non sappiamo) di Omicron, la variante con 32 mutazioni
Cronaca / Pedopornografia, abusavano delle figlie e scambiavano foto in chat: 5 arrestati