Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 04:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

Taglio cuneo fiscale, pagamento unico: 1.500 euro per i lavoratori

Immagine di copertina
Credit: Vincenzo PINTO / AFP

L'idea del Governo Conte Bis: liquidare in busta paga i soldi stanziati per la riduzione delle tasse sul lavoro

Taglio cuneo fiscale, pagamento unico a luglio

Il taglio del cuneo fiscale annunciato dal Governo Conte Bis potrebbe tradursi in un pagamento unico in busta paga per i lavoratori: un bonus, una sorta di quindicesima mensilità, da circa 1.500 euro. È un’ipotesi di cui si inizia a parlare, in vista dell’inizio dei lavori per la Legge di Bilancio 2020.

Come noto, il taglio del cuneo fiscale è tra i punti principali alla base dell’alleanza di governo tra M5S e Pd. Per i meno avvezzi al vocabolario economico, con l’espressione “cuneo fiscale” si intende un indicatore che misura l’impatto delle imposte e dei contributi sulla basta paga del lavoratore. In pratica, il cuneo fiscale è la differenza tra quanto un lavoratore costa all’azienda e lo stipendio netto che quello stesso lavoratore effettivamente percepisce.

Il Governo Conte Bis, come si legge nelle linee guida dell’accordo M5S-Pd, vuole tagliare il cuneo fiscale “a vantaggio dei lavoratori”, ossia vuole ridurre le tasse sul lavoro allo scopo di aumentare le entrate economiche per il lavoratore, in modo da stimolarne i consumi.

Secondo l’ipotesi che circola, come spiega un articolo di Lorenzo Salvia sul Corriere della Sera, il governo M5S-Pd avrebbe intenzione di stanziare per il taglio del cuneo fiscale una cifra pari a circa 5 miliardi euro l’anno. E sul tavolo c’è l’idea di liquidare questa somma in busta paga al lavoratore in un unico pagamento. Si tratterebbe, in pratica, di uno stipendio aggiuntivo, che verrebbe erogato probabilmente nel mese di luglio.

A quanto ammonterebbe questo pagamento unico? Se il taglio del cuneo fiscale riguardasse i redditi fino a 26mila euro lordi l’anno, il bonus annuale sarebbe di 1.500 euro. Se invece la soglia decisa dal governo fosse di 35mila euro, l’importo dello “stipendio aggiuntivo” sarebbe un po’ più basso. Il pagamento unico andrebbe ad assorbire il bonus da 80 euro introdotto nel 2014 dal Governo Renzi.

L’alternativa sarebbe quella di diluire la cifra stanziata per il taglio del cuneo fiscale nelle varie buste paga durante l’anno. In questo caso, ogni mese il lavoratore si ritroverebbe poco più di 100 euro.

Tutti gli ultimi concorsi pubblici
Flat tax definitivamente archiviata, Gualtieri: “Non la faremo mai, è ingiusta”
Pensioni a 62 anni per tutti: la proposta di Landini (Cgil)
Ti potrebbe interessare
Economia / Lavoro, per il 68% degli occupati la priorità è lavorare meno: “Dimissioni fuga verso impiego migliore”
Economia / Rottamazione Quater: come pagarla online con Easypol
Economia / Il Superbonus scende al 70%, il decreto è diventato legge: cosa cambia
Ti potrebbe interessare
Economia / Lavoro, per il 68% degli occupati la priorità è lavorare meno: “Dimissioni fuga verso impiego migliore”
Economia / Rottamazione Quater: come pagarla online con Easypol
Economia / Il Superbonus scende al 70%, il decreto è diventato legge: cosa cambia
Pensioni / Trump si paragona a Navalny: “Gli Usa stanno diventando un Paese comunista”
Economia / Stellantis valuta di produrre auto elettriche cinesi a Mirafiori
Economia / Le Bahamas non sono più un paradiso fiscale, almeno per l’Ue
Economia / A Roma la prima riunione dell’EMC di UIC sotto la presidenza dell’AD Luigi Ferraris
Economia / Quelle aziende che pagano per non assumere disabili
Economia / Stellantis chiede soldi allo Stato, ma intanto stacca un dividendo da 4,7 miliardi agli azionisti
Economia / Il gap incolmabile tra ricchi e poveri e quei conti che non tornano: il nostro pianeta è dilaniato dalle disuguaglianze