Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:49
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

Lo spread di oggi martedì 27 agosto in tempo reale

Immagine di copertina

Lo spread di oggi in tempo reale

Anche oggi, martedì 27 agosto 2019, è alta l’attenzione per i valori dello spread. Il differenziale Btp-Bund rappresenta la fiducia dei mercati finanziari nei confronti del nostro paese e la difficile situazione politica determinata dall’apertura della crisi di governo potrebbe comportare una crescita dei tassi d’interesse sui nostri titoli di Stato.

Finora lo spread è rimasto stabile sotto i 200 punti base. Ma i valori potrebbero cambiare se i tempi per un accordo di governo dovessero allungarsi. Fino a martedì, giornata di nuove consultazioni non si avranno risposte e i mercati potrebbero non reagire bene a questa situazione di stallo.

– SE NON VISUALIZZI GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI, CLICCA QUI

(Aggiornare in continuazione per leggere tutti gli ultimi aggiornamenti)

Lo spread tra il Btp e il Bund scende a 182 punti base, segnando i minimi da un mese, con i mercati che guardano positivamente ad un futuro governo M5S-Pd. Il tasso sul decennale del Tesoro scende all’1,13%, il livello più basso da settembre 2016.

Lo spread di lunedì 26 agosto

Nella giornata di lunedì 26 agosto, lo spread Btp/Bund, è rimasto stabile sotto quota 200 punti base, segno che la crisi di governo non influenza i mercati. In questi giorni lo spread è in costante calo, dopo che si era alzato nei giorni dell’apertura della crisi.

Cos’è lo spread: significato

Lo spread è un valore che indica la differenza di rendimento tra titoli di Stato italiani e tedeschi e nello specifico, la forbice tra il rendimento offerto dal Btp (buono del tesoro poliennale emesso dallo Stato italiano) a 10 anni e quello offerto dal suo corrispettivo tedesco, il Bund.

Oggi il differenziale viene preso come riferimento per misurare la stabilità economica di un paese in relazione con gli altri paesi. È anche un indice della fiducia dei mercati nei confronti del Paese.

Spread è dunque anche un termine generico che indica semplicemente la differenza esistente fra due valori e assume significato diverso a seconda del contesto. È dal 2011 che il termine è sotto i riflettori e al centro dell’attenzione pubblica, assumendo nello specifico il significato di differenziale tra i Btp italiani e i Bund tedeschi. All’inizio di quell’anno, il 4 gennaio, era a 173 punti. Dopo un’estate burrascosa e l’avvicendamento a Palazzo Chigi tra Silvio Berlusconi e Mario Monti, a novembre arrivò a quota 528.

Cos’è il differenziale Btp-Bund
Ti potrebbe interessare
Economia / Banca Ifis lancia la nuova campagna pubblicitaria “Siamo il credito per la tua azienda”
Economia / Mario Bellomare: Il genio dietro il successo nel trading
Economia / Tesla, gli azionisti approvano un compenso da 45 miliardi di dollari per Elon Musk
Ti potrebbe interessare
Economia / Banca Ifis lancia la nuova campagna pubblicitaria “Siamo il credito per la tua azienda”
Economia / Mario Bellomare: Il genio dietro il successo nel trading
Economia / Tesla, gli azionisti approvano un compenso da 45 miliardi di dollari per Elon Musk
Economia / Stellantis, stop alla gigafactory di Termoli: il progetto è sospeso almeno fino a fine anno
Economia / Ferretti, primo varo nel nuovo cantiere di Ravenna
Economia / In Italia i ricchi sono sempre più ricchi mentre il ceto medio è più povero del 5% rispetto al 2010
Lavoro / Gadget personalizzati aziendali: guida alla scelta
Economia / Leonardo fa affari d’oro con le guerre, ma allo Stato azionista restano pochi spiccioli
Economia / Le 9 previsioni sulla mobilità del futuro
Economia / Nel cuore di Roma il lancio di “Airport in the city”, il nuovo servizio di ADR